Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

Saldi estivi in Irpinia, i consumatori sono pronti a spendere: ma non mancano le lamentele

Ecco come sfruttare al meglio gli sconti senza incappare in fregature

In Irpinia, come in tutta la Campania, è iniziata la stagione dei saldi che durerà per 60 giorni. Secondo le stime del Centro Studi di Confesercenti Campania, poco più del 50% dei consumatori campani ha intenzione di approfittare di questi due mesi di sconti. La maggior parte dei consumatori spenderà tra i 51 e i 100 euro a persona, seguiti da una fascia di spesa tra i 101 e i 200 euro. Molti scelgono di acquistare durante i saldi, poiché comprano poco durante l'anno e aspettano questa occasione per fare acquisti.

Giuseppe Marinelli, Presidente Provinciale di Confesercenti Avellino, ha dichiarato: "Questa fase delicata per l'economia delle famiglie e per l'andamento del commercio rappresenta un'opportunità per acquistare prodotti a prezzi scontati e per rilanciare i consumi, in particolare nei negozi di vicinato. Il nostro auspicio è che la prospettiva di ripresa e il rapporto diretto con gli esercizi nel territorio possano fungere da stimolo per gli acquisti, insieme agli sconti praticati". Già nel corso della prima giornata di saldi, però, non sono mancate le lamentele. I consumatori, infatti, lamentano innanzitutto una scarsa chiarezza nei cartellini dei prezzi. 

Consigli anti-bidone per i saldi

Durante la stagione dei saldi, è importante prestare attenzione per evitare fregature. Ecco un decalogo di consigli utili per fare acquisti sicuri e intelligenti.

1. confrontate i prezzi

Non fermatevi mai al primo negozio. Confrontare i prezzi in più esercizi vi aiuterà a evitare fregature e a trovare le migliori offerte.

2. chiarezza sulle spese

Entrate in negozio con le idee chiare su cosa acquistare. In questo modo, sarete meno influenzabili dai venditori e ridurrete il rischio di comprare capi di cui non avete bisogno.

3. datevi un budget

Stabilite una cifra massima da spendere e rispettatela. Questo vi eviterà sensi di colpa e ripensamenti successivi.

4. negozi e vetrine

Assicuratevi che il prezzo sia esposto in modo chiaro. Diffidate dei negozi che non mostrano il prezzo precedente, la percentuale di sconto e il nuovo prezzo. Verificate che la merce in saldo sia separata chiaramente dalla merce a prezzo pieno.

5. diffidate degli sconti superiori al 50%

Sconti molto elevati possono nascondere merce vecchia o prezzi gonfiati. Controllate sempre il prezzo effettivo da pagare.

6. no ai fondi di magazzino

La merce in saldo deve essere l'avanzo della stagione in corso. Evitate i negozi che si riempiono improvvisamente di capi vari dopo l'inizio dei saldi.

7. prova dei capi

La prova dei capi non è obbligatoria, ma diffidate dei negozi che non vi permettono di provare gli abiti o che richiedono un anticipo per farlo.

8. cambio merce

Durante i saldi, il cambio merce è a discrezione del negoziante, a meno che non si tratti di un capo difettoso.

9. prodotti difettosi

Conservate sempre lo scontrino. Anche i capi in saldo possono essere cambiati se difettosi. Dal 1° gennaio 2022, non è più necessario denunciare il difetto entro 2 mesi dalla scoperta.

10. pagamenti con POS

Tutti i commercianti devono accettare pagamenti con carta di credito per qualsiasi importo. In caso di rifiuto, è possibile segnalare il fatto alle autorità competenti.

Seguendo questi consigli, potrete approfittare della stagione dei saldi in Irpinia in modo sicuro e conveniente, evitando spiacevoli sorprese. Buono shopping!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi estivi in Irpinia, i consumatori sono pronti a spendere: ma non mancano le lamentele
AvellinoToday è in caricamento