Domenica, 13 Giugno 2021
Economia

Punto Impresa Digitale, le aziende irpine sulla strada della Innovazione 4.0

Nel corso del seminario saranno presentati esempi pratici di applicazione delle blockchain

Nell’ambito del progetto PID, la Camera di Commercio di Avellino organizza mercoledì 2 ottobre 2019 con start alle ore 9, un seminario sul tema della blockchain ed in particolare sulle sue applicazioni operative per favorire la tracciabilità dei prodotti e la tutela del Made in Italy, in collaborazione con FOODCHAIN spa, una delle prime start-up internazionali a sviluppare sistemi basati su tale tecnologia

Per le imprese italiane del comparto agroalimentare che operano sui mercati esteri – afferma il Presidente della Camera di Commercio Ing. Oreste La Stella – è di primaria importanza tutelare la qualità e l’origine dei propri prodotti in tutti i passaggi della filiera produttiva, anche per contrastare le problematiche legate all’Italian Sounding ossia la concorrenza sleale portata da quei prodotti esteri che in modo ingannevole richiamano ad una presunta italianità attraverso la denominazione o il marchio.

In tale contesto anche per il sistema economico irpino, con un valore delle esportazioni pari ad un miliardo e 226 milioni e l’agroalimentare pari a circa il 30% dell’export totale, assume un valore strategico investire nei sistemi che possano garantire con certezza l’origine italiana delle produzioni.

A tale finalità può rispondere la blockchain ossia una tecnologia che consente per ogni prodotto di avere informazioni complete sull’intero ciclo di vita: dalla raccolta delle materie prime, alla trasformazione, al packaging fino allo smaltimento, aiutando le aziende anche ad acquisire la fiducia dei consumatori.

La blockchain permette di creare un sistema di responsabilizzazione per le informazioni divulgate a tutela di imprese e consumatori, rendendo infatti, istantaneo l’accesso a tutte le informazioni collegate a un dato prodotto e facilita lo scambio di dati tra gli attori di una filiera dando accesso a un registro condiviso.

Il risultato finale è la creazione del “passaporto digitale” di un prodotto accessibile da tutti in modo semplice, che applicato, per esempio, sul packaging trasforma le normali etichette in “etichette intelligenti”: si attiva così un canale di comunicazione diretta tra produttore e consumatore che consente di valorizzare la produzione e di poter valutare meglio le qualità intrinseche del prodotto.

Infine, qualora si presentassero casi di contaminazione o difetti di fabbricazione, blockchain permette di rintracciare facilmente i prodotti distribuiti e di richiamarli rapidamente.

Nel corso del seminario saranno presentati esempi pratici di applicazione delle blockchain: supply chain e protezione del made in Italy e sarà mostrata la piattaforma web – dApp – in cui viene gestita la blockchain e l’integrazione con le tecnologie industry 4.0 nel comparto manifatturiero, con particolare riferimento all’agroalimentare e al sistema moda. Gli esperti presenti saranno a disposizione dei partecipanti per fornire ulteriore supporto, informazioni specifiche e case histories per la condivisione delle migliori esperienze ed il trasferimento di know-how.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punto Impresa Digitale, le aziende irpine sulla strada della Innovazione 4.0

AvellinoToday è in caricamento