Pensioni, ipotesi "superbonus" per arginare quota 100: che cosa cambierebbe

Per diminuire i potenziali nuovi pensionati, i lavoratori in età di pensione che vorranno proseguire nella loro attività potrebbero ricevere un incentivo

Si continua a parlare di pensioni, che restano uno dei primi punti dell'agenda di governo giallo-verde. A giorni si attende il decreto che permetterà il taglio delle cosiddette "pensioni d’oro", ma sono le "altre pensioni" quelle intorno a cui si accavallano voci, indiscrezioni e tanti dubbi.

Pensioni e quota 100: ultime notizie

Il "superamento" della legge Fornero è un caposaldo del programma di governo Lega-Movimento 5 stelle, non ci sono dubbi che vi si metterà mano: ma come fare? L'eventuale inserimento di un’età minima di accesso alla pensione, forse a 64 anni, sarebbe inevitabile. Ma c'è una novità importante. 

Pensioni, superbonus per "mitigare" quota 100

Si pensa infatti all’introduzione di un superbonus del 30% (direttamente in busta paga) per arginare quota 100: per diminuire il numero di coloro che andrebbero in pensione approfittando delle nuove norme i lavoratori in età di pensione che vorranno proseguire nella loro attuale attività lavorativa potrebbero ricevere un incentivo per proseguire a lavorare: un'ipotesi, al momento nulla più. 

Ma un bilanciamento del genere potrebbe davvero essere la soluzione corretta e rendere meno pesante per le casse dell'Inps la migrazione pensionistica di cui ha parlato il Presidente dell’Inps Tito Boeri che con l’inizio di quota 100 (e quota 41 poi) è calcolata in 750 mila pensionati in più in pochi mesi e un milione entro due anni. 

Che cosa significa quota 100

Quota 100 sarebbe la possibilità per i lavoratori di andare in pensione quando la somma dell'età anagrafica e degli anni di contributi versati è pari almeno a 100. Possono poi essere previsti dei paletti riguardo all'età minima di uscita e a un minimo di anni di contribuzione.

Nel contratto pentaleghista c'è l'impegno a "provvedere all’abolizione degli squilibri del sistema previdenziale introdotti dalla riforma delle pensioni cd. 'Fornero', stanziando 5 miliardi per agevolare l’uscita dal mercato del lavoro delle categorie ad oggi escluse".

"Daremo fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro - si legge nel testo - quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Leggi la notizia su Today 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Scuola, caos e rabbia ad Atripalda: 'volano stracci' tra la dirigente e le mamme

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

  • Sabato sera di sangue, incidente mortale sul raccordo Salerno-Avellino

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • A Mirabella Eclano uno dei wine resort più suggestivi d'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento