menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Federmanager, Stefano Cuzzilla ad Avellino nei primi giorni di dicembre

“La nostra organizzazione è disponibile al dialogo con le istituzioni, in primis con la Regione, e con tutti quei corpi intermedi interessati a dare un apporto utile per afferrare nuovamente la rotta della crescita economica in un territorio ricco di specificità e caratteristiche che ha potenzialità per assurgere ad un ruolo di primissimo piano sia nel Mediterraneo che in Europa” dicono gli associati

“Il rilancio economico del Paese passa per la Campania, dove è necessario attrarre nuovi investimenti per riavviare al più presto la crescita produttiva ed occupazionale. Istituzioni, associazioni di categorie ed imprese hanno il dovere di avviare una stagione di dialogo e collaborazione per cogliere con responsabilità ed intelligenza le occasioni del programma comunitario 2014/2020 in una regione strategica per l’intero mezzogiorno”.

E’ questa l’opinione della delegazione di  Federmanager Campania che è stata protagonista nel weekend a Roma in occasione dei festeggiamenti dei 70 anni di attività dell'organizzazione di rappresentanza di oltre 180.000 dirigenti dell'industria e dei servizi.

Nella Capitale la delegazione della prima regione del sud è stata capitanata dal membro dell’esecutivo nazionale e presidente di Federmanager Salerno, Armando Indennimeo, dal presidente di Federmanager Napoli, Antonio Scuotto, e dal componente dell’esecutivo nazionale di Federmanager giovani, dall’irpino Enzo Russo.

“La nostra organizzazione è disponibile al dialogo con le istituzioni, in primis con la Regione, e con tutti quei corpi intermedi interessati a dare un apporto utile per afferrare nuovamente la rotta della crescita economica in un territorio ricco di specificità e caratteristiche che ha potenzialità per assurgere ad un ruolo di primissimo piano sia nel Mediterraneo che in Europa”, affermano all’unisono i rappresentanti dell’associazione dei manager d’azienda che hanno apprezzato particolarmente il percorso tracciato sul piano nazionale dal presidente, Stefano Cuzzilla.

“I manager tante volte non sono stati consultati dalle istituzioni regionali e locali al fine di acquisire suggerimenti e riflessioni sui temi dello sviluppo del territorio e la realizzazione di nuove infrastrutture per attrarre nuove imprese. Eppure, in questo contesto, così come ribadito dal presidente Mattarella, i manager dell'industria svolgono un ruolo cruciale da protagonisti per sostenere lo sviluppo dell'imprese, favorirne l'internazionalizzazione e facilitarne il passaggio generazionale. Non intendiamo rinunciare all’offrire un contributo di idee e proposte in una fase di grande transizione economica e sociale che anche la Campania sta attraversando. Riteniamo sensato, infatti, essere coinvolti vivendo in prima linea i problemi del mondo dell’impresa, e avendo sviluppato una visione nitida della realtà industriale, stimolando la rappresentanza politica ed istituzionale a concentrare interventi normativi con l’obiettivo di snellire e semplificare molte procedure autorizzative”.

L’organizzazione dei manager della Campania, infatti, avvierà una serie di iniziative anche di dibattito ed approfondimento sui tempi economici e sociali del territorio. Uno degli appuntamenti già fissati in agenda si terrà ad Avellino il prossimo 4 dicembre, a cui prenderà parte proprio il presidente nazionale di Federmanger, Stefano Cuzzilla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento