I dipendenti dell’Ente Irrigazione di Puglia, Basilicata e Irpinia ripiombano in un incubo

L’enorme debitoria accumulata negli anni mette a rischio già dalla prossima scadenza il pagamento delle retribuzioni

I dipendenti dell’Ente Irrigazione di Puglia, Basilicata e Irpinia ripiombano in un incubo che pare non avere fine. L’enorme debitoria accumulata negli anni mette a rischio già dalla prossima scadenza il pagamento delle retribuzioni. "E per l’Ente l’impossibilità di assolvere a fondamentali compiti di gestione, esercizio e manutenzione in qualità di fornitore all'ingrosso di acqua non trattata, per usi potabili agli acquedotti Pugliese, Lucano ed al consorzio Jonio-Cosentino in Calabria; per usi irrigui a nove consorzi di bonifica nelle regioni Basilicata, Campania e Puglia e, per usi industriali, all'ILVA di Taranto e ad altri utenti minori”. È l’allarme che lancia Antonio Gagliardi, segretario generale della Flai Cgil Puglia.

"Nel cosiddetto decreto crescita - spiega la Flai Puglia - convertito con modificazioni, è stato previsto attraverso un emendamento la costituzione di una società per azioni a totale capitale pubblico, formato da soli enti pubblici".

“Sembra di assistere a un parto infinito - continua Gagliardi -. La volontà politica di mettere fine a un’agonia che dura dal 2011 certifica una colpevole disattenzione verso un soggetto pubblico che svolge una funzione fondamentale per i territori regionali interessati. Il ministero dell’Agricoltura che ha compiti di vigilanza e le Regioni coinvolte hanno l’obbligo di porre l’accento su un tema non più rinviabile. Intanto la dirigenza dell’Ente conferma che è in grado di retribuire i dipendenti solo per la mensilità in corso; nessuna prospettiva salariale e occupazionale per il futuro nonostante la contemporanea gestione ordinaria e liquidatoria abbia fatto sforzi per venire fuori da una situazione debitoria che -a quanto è dato sapere- va oltre i 50 milioni di euro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa volta - conclude Gagliardi - i circa 70 dipendenti della Puglia e altri 80 tra Basilicata e Campania sono pronti a qualunque forma di protesta: ne va di mezzo la certezza occupazionale e la serenità delle loro famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • Coronavirus in Campania, nuova ordinanza di De Luca su mascherine e spostamenti tra regioni

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Offerte di lavoro, Intesa Sanpaolo cerca diplomati e laureati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento