menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confimprenditori incontra vice ministro Zanetti

E' stata l'occasione per esporre al vice ministro Zanetti due proposte che la Confimprenditori

Il vice ministro dell’Economia, Enrico Zanetti, ha visitato la sede della Confimprenditori, in piazza San Lorenzo Lucina, a Roma, alla presenza dei vertici della confederazione, il presidente Stefano Ruvolo, il vice presidente Gerardo Santoli, e il direttore Giusy Coppolino. E’ stata l’occasione per esporre al vice ministro Zanetti due proposte che la Confimprenditori si era impegnata a portare all’attenzione del governo: l’istituzione di ammortizzatori sociali anche per gli imprenditori e la fattura fiscale nulla. Il welfare per le imprese permetterebbe di aiutare aziende in crisi, e dunque anche i lavoratori di quelle realtà produttive. Il tutto senza pesare sul bilancio dello Stato, in quanto gli ammortizzatori sociali verrebbero finanziati dai contributi versati dallo stesso imprenditore ai fondi paritetici interprofessionali e agli enti bilaterali, comprese le casse edili, e alle associazioni di categoria. Sul fronte della fattura fiscale nulla, riguarda quelle fatture emesse ma non ancora pagate dai committenti. La Confimprenditori da sempre chiede  di considerare, in questi casi, che le tasse, e non solo l’Iva, vengano versate solo al saldo. Proposte ritenute “giuste e legittime” dal vice ministro Zanetti, che si è impegnato ad approfondire ulteriormente le questioni e a farne oggetto di discussione in sede legislativa. “Bisogna ricordare a tutti che la ricchezza, prima di essere redistribuita, deve essere creata – ha spiegato il vice ministro – E l’unico luogo dove questo è possibile è l’impresa, senza la quale non c’è il Paese. Ma non basta. C’è bisogno di politiche fiscali, infrastrutture per muovere merci, persone e dati”.

Zanetti ha poi illustrato le principali novità per imprese e professionisti contenute nel piano annunciato dal governo per semplificare il fisco.

“ L’obiettivo è duplice: meno adempimenti per le imprese, più dati a disposizione per la pubblica amministrazione. Altro fronte è quello della semplificazione del fisco nei rapporti con l’estero, per rendere sempre meno di ostacolo la fiscalità alle nostre piccole e grandi imprese che esportano”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento