menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camere di Commercio, se Avellino trasloca a Salerno danno enorme per le imprese

L'Ente salernitano ripianerebbe i propri debiti con il nostro avanzo di amministrazione

La riorganizzazione delle Camere di Commercio attivata dal decreto licenziato dal Consiglio dei Ministri nell'ambito dell'attuazione della riforma sulla Pa, preoccupa non poco le imprese avellinesi. Sicuramente come ribadito dal ministro dello  Sviluppo economico, Carlo Calenda consentirà importanti risultati in termini di efficienza, razionalizzazione e risparmio per le imprese.

Ma con la riduzione del 40% delle Camere di Commercio che passano da 105 a 60 andranno accorpate quelle con meno di 75mila imprese iscritte.

Al netto degli equivoci Avellino e Benevento. Fondersi per loro rappresenterebbe un'opportunità: il nuovo ente camerale amministrerebbe più o meno alla pari 91.345 imprese distribuite su di un territorio di 4.887 chilometri quadrati con un diritto annuale da governare, che ammonterà a poco meno di cinque milioni di euro.

Ma allo stato attuale il rischio è che entrambe possano essere inglobate dalla Camera di Commercio di Salerno. Manca infatti la delibera dall'Ente beneventano per scongiurare l'ipotesi di una decisione calata dall'alto, decisione che minerebbe l'autonomia delle due province e le relegherebbe ad un ruolo marginale rispetto a Salerno.

Se infatti Avellino fosse accorpata alla Camera di Commercio di Salerno, quest'ultima sarebbe pronta ad inglobare anche i nostri avanzi di amministrazione che ripianerebbero i deficit salernitani serviti per i LORO investimenti. Dunque oltre al danno la beffa, perchè visto il ridotto numero di rappresentanti irpini nel nuovo consiglio d'amministrazione il capoluogo avrebbe ben poca voce in capitolo nella futura Camera unita rischiando di pesare sempre meno nelle logiche industriali.

Per il momento sono solo ipotesi, si potrà tornare a parlare della fusione delle Camere di Commercio irpina e sannita soltanto a settembre, ma a quel punto forse i giochi saranno già fatti e sarà troppo tardi per riparare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento