menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonus vacanze, sconti fino a 500 euro: come richiederlo e come utilizzarlo

Il bonus spetta alle famiglie con un reddito inferiore a 40mila euro

Fino a 500 euro per le spese sostenute dagli italiani per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi, bed & breakfast. 

Un modo per rilanciare il turismo del Belpaese e aiutare le famiglie nella spesa delle vacanze estive e autunnali. Il contributo spetterà alle famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro, modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie mononucleari. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020. 

Esulta per la misura il Ministro della Cultura Dario Franceschini che sui 5 miliardi stanziati dal Governo per turismo e cultura dichiara:

"4 miliardi servono a sostegno del settore del turismo italiano e 1 miliardo per cultura: i due settori che hanno subito gli effetti dell'emergenza da coronavirus in modo significativo. Risorse che, aggiunge Franceschini, dimostrano che c’è la consapevolezza dell’importanza strategica dei due settori. Il Bonus vacanze p revede un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale in alberghi, campeggi, villaggi, bed and breakfast. Possono chiedere il contributo le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro. L'importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020. L'80% sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, il restante 20% come detrazione dall'imposta sul reddito".

Clausole per il bonus 

Tra le condizioni per accedere al credito c’è che il pagamento del servizio reso dal singolo albergo, agriturismo o bed &breakfast deve essere corrisposto senza l'ausilio, l'intervento o l'intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operatori.

Come spendere il bonus vacanze

Il pagamento va attestato tramite fattura elettronica o documento commerciale e bisogna indicare il codice fiscale del beneficiario del credito, ovvero di chi paga. La spesa deve essere effettuata in un’unica soluzione e per i servizi di una sola impresa turistico ricettiva. Quindi il bonus si può sfruttare in un solo albergo o agriturismo e pagando in un'unica soluzione la spesa. Non è inoltre possibile utilizzare il bonus per pagamenti che avvengono attraverso piattaforme o portali telematici, fatta eccezione per le agenzie di viaggio e i tour operator.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento