menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alto Calore Servizi, i sindacati all'attacco del Presidente di Confindustria Avellino

"Oltre lo sgarbo e l’insensibilità, le dichiarazioni rese dal Presidente appalesano, per merito e metodo, un marcato oscurantismo"

In merito alle dichiarazioni rese del Presidente di Confindustria Avellino, il dott. Bruno Giuseppe, riguardo alla delicata vicenda della società Altro Calore Servizi, restiamo basiti sia per i contenuti espressi che dimostrano imperizia, imprudenza e  mancanza di oggettività ma anche e soprattutto per le gravi e gratuite considerazioni che esterna circa i lavoratori di Alto Calore e  del sindacato.
Oltre lo sgarbo e l’insensibilità, le dichiarazioni rese dal Presidente appalesano, per merito e metodo, un marcato oscurantismo che pensavamo oramai passato e che, invece, ci perviene proprio da un rappresentante degli imprenditori che dovrebbe avere un linguaggio più consono, attento e di maggiore apertura al dialogo, magari basati sul confronto e la mediazione, questi ultimi, essenza imprescindibile per corrette e proficue relazioni sindacali.
Oltre a tradire il ruolo affidatogli, dimostra, evidentemente, che non sa di cosa parla, in quanto, non solo la problematica AltoCalore non può essere figlia di una politica indigena che vuole le aziende fuori dal sindacato come accade in talune aziende e che diventa assolutamente stridente e ingiustificabile quando coincidente con chi rappresenta sia la proprietà dell’impresa e sia la più grande unione degli industriali Avellinesi.
Richiama il modello  tedesco di relazioni sindacali, evidentemente molto più avanzato e che dovrebbe essere d’insegnamento per tutti e poi, addirittura, scivola  in un atteggiamento e  un linguaggio offensivo sia nei confronti dei lavoratori e sia dei loro rappresentanti. 

Siamo alla classica foglia di fico che tenta di nascondere le sostanziali colpe di tutto ciò che accade ed è accaduto in Alto Calore e che sono di responsabilità certa di chi ha governato e governa tuttora i processi, compreso Confindustria, e non certo dei lavoratori  bistrattati  dal distratto Presidente di turno.
Un’ultima incongruenza e disattenzione del Presidente Bruno la riscontriamo allorquando dichiara che  “con questi  sindacati non mi siederei nemmeno al tavolo…”   anche qui dimostra di non essere dentro i processi che lui stesso presiede   giacché con le medesime organizzazioni sindacali, i suoi collaboratori,  quasi tutti i giorni,  si relazionano, s’incontrano e condividono  numerosi accordi, contratti  e intese che, poi, si esplicano in moltissime aziende che lo stesso dovrebbe conoscere e rappresentare ma che, evidentemente, ignora completamente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento