menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manovra, salta il taglio delle accise sulla benzina e l’aumento IVA è bloccato solo per il 2019

Per Salvini il taglio delle accise sulla benzina sarebbe dovuto essere il primo provvedimento da approvare in Consiglio dei ministri ma rinvio dopo rinvio è sparito anche dalla legge di bilancio

Niente da fare per il taglio delle accise sulla benzina: la sforbiciata alle annose tasse che pesano sul prezzo dei carburanti - punto di forza della campagna elettorale della Lega - non ci sarà nella prossima legge di Bilancio che ha ottenuto questa sera la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sterilizzato l'aumento dell'Iva ma solo per il 2019: come previsti in via provvisoria dai precedenti governi nelle cosiddette clausole di salvaguardia nel 2020 l’IVA ordinaria passerà dal 22% al 24,1%. Ulteriore scatto l’anno successivo: l’IVA nel 2021 sarà di 24,5%, salvo nuovi interventi correttivi. L’IVA agevolata, di conseguenza, non sarà più al 10 ma all’11,5% a decorrere dal 2020.

Per Salvini il taglio delle accise sarebbe dovuto essere il primo provvedimento da approvare in Consiglio dei ministri ma rinvio dopo rinvio è sparito anche dalla legge di bilancio. Nella manovra è inserita solo la sterilizzazione dell’aumento delle accise per il 2019, così come quello dell'Iva e anche questo solo per il 2019.

"Non sto al governo da solo" si è giustificato il leader della Lega che conferma l'impegno per i prossimi anni, almeno per il taglio delle accise più anacronistiche. Una necessità che si evince anche dall'aumento record del 9,5% dei costi energetici alla vigilia dell'inverno pesa sui conti delle famiglie e delle imprese rendendo più onerosa la produzione.

Aumento dei prezzi di benzina e gas

Secondo i dati Istat dell'inflazione relativi ad ottobre si segnalano aumenti consistenti dei prezzi dell'energia elettrica dell'8,6% su base annuale e del 10,2% per il gas di città e naturale mentre i beni energetici non regolamentati confermano una crescita molto sostenuta (+9,5%) rispetto a ottobre 2017 dovuta all`andamento dei prezzi di tutte le principali componenti, dal gasolio per i mezzi di trasporto (+12,4%) alla benzina (+9,4%) fino al gasolio per riscaldamento (+11,2%). "L'aumento della spesa energetica ha un doppio effetto negativo perché - sottolinea la Coldiretti - riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l`agroalimentare con l`arrivo dell'inverno".

E se il taglio delle accise non c'è il rischio è quello di vederle crescere da gennaio: una norma introdotta dal decreto legge n. 91/2014 e nello specifico dal comma 3 dell’articolo 19 a copertura degli oneri necessari dal finanziamento di aiuto alla crescita economica per le imprese.

Il decreto - come emerge dalla risposta del Sottosegretario all'Economia, Alessio Villarosa (M5S), a un'interrogazione presentata in Commissione Finanze alla Camera da Galeazzo Bignami (Forza Italia) - ha stabilito a partire dal 1° gennaio 2019 l’aumento dell’aliquota dell’accisa sul gasolio usato come carburante e sulla benzina in misura tale da determinare maggiori entrate nette non inferiori a 140,7 milioni di euro nel 2019, a 146,4 milioni di euro nel 2020 e a 148,3 milioni di euro a decorrere dal 2021.

A disciplinare l’aumento dovrà essere un provvedimento emanato dall’Agenzia delle Dogane che sarà pubblicato entro il 30 novembre 2018.  E ad oggi nessuno lo ha cancellato.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri due decessi al "Frangipane"

  • Cronaca

    Sversamento illecito di acque reflue in un fondo agricolo

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri tre decessi all'Ospedale Moscati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento