Lunedì, 2 Agosto 2021
Cucina

L'antica tradizione del casatiello dolce, la ricetta delle massaie avellinesi

Ecco la versione dolce del casatiello, un lievitato da forno che non può mancare sulle tavole del Sud

Come la maggior parte di voi ben sanno il casatiello esiste anche nella sua versione dolce. Una torta semplice, alta e soffice che non vi farà rimpiangere la tradizionale colomba.
Anzi, per noi avellinesi questo è il dolce pasquale per antonomasia che in questi giorni viene preparato da massaie, nonne e mamme.  Qualcuno lo conosce con il nome di pigna ma la tradizione lo chiama casatiello dolce, un lievitato da forno che richiede un bel po’ di tempo ma il risultato è davvero squisito. 
Ad Avellino sono molte le famiglie che si riuniscono in casa per prepararsi al lauto banchetto di Pasqua. Ad esempio la signora Ida Pellecchia guida figlie, nipoti e amiche nell’elaborazione delle migliori proposte gastronomiche locali. A raccontarlo sua figlia Sonia Furione: “I giorni che anticipano la Pasqua ci vediamo con le mie zie e le mie cugine, da mia madre in campagna e diamo inizio alla preparazione di pizze ‘chiene’, pizze con l’erba, pastiere, casatielli dolci e salati. Tutte si danno da fare e come una vera e propria cucina professionale sforniamo un prodotto dopo l'altro. Ieri ad esempio abbiamo preparato 12 casatielli dolci".
Proprio come si faceva una volta, signore di tutte le età, si mettono ai fornelli e sotto l’attenta direzione della padrona di casa danno vita a delle vere e proprie opere d’arte della cucina.

Per chi volesse cimentarsi nel casatiello dolce ecco la ricetta della signora Ida Pellecchia:
Ingredienti:1kg di farina, 5 uova, latte quanto basta, un bicchierino di rum, 150g di sugna, 250g di zucchero, 2 pezzi di lievito, 1 bustina di vanillina, 1 arancio grattato, 1 limone grattato e un paio di arance premute, un pizzico di sale e canditi a seconda dei gusti.

Procedimento 
In una ciotola abbastanza capiente mettere il lievito madre e scioglietelo con il latte freddo. Aggiungere 500gr di farina poco per volta ed impastare il tutto con tanta pazienza. Inizialmente il composto risulterà un po' molle. Amalgamate tutto per bene e coprite con pellicola, praticate 3-4 buchetti al centro con uno stuzzicante e coprite con un panno da cucina. Riponete in un luogo asciutto fino al giorno successivo.
Quando Il vostro impasto sarà raddoppiato, bisognerà aggiungere tutti gli ingredienti restanti: 500 gr di farina 00, le uova, il restante zucchero, la sugna, i canditi e tutti gli aromi. Incorporate per bene tutti gli ingredienti e formate un composto privo di grumi. Ungete due teglie con abbondante strutto e ponete l’impasto all’interno di ognuna riempiendo fino a metà altezza. Coprite con pellicola bucherellata e panno da cucina e mettete a lievitare per un altro giorno. Quando il vostro casatiello dolce durante la lievitazione avrà raggiunto quasi i bordi dello stampo e l’impasto sarà raddoppiato e si saranno formate della bolle, è pronto per essere infornato. Cuocete in forno statico e già caldo a 180° per circa 45-50 minuti (meglio se a legna).
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'antica tradizione del casatiello dolce, la ricetta delle massaie avellinesi

AvellinoToday è in caricamento