menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bambine picchiate dai genitori, a scoprire tutto un medico irpino

Felice Nunziata, pediatra e primario all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta ha allertato le forze dell'ordine

Bambine maltrattate a Bellona dai genitori, la denuncia è scattata per opera di un medico irpino: Felice Nunziata pediatra e primario all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, un passato primario all'ospedale di Solofra. Una delle due bambine era giunta nell’ospedale casertano a gennaio per altri sintomi. Il medico irpino, durante la trasmissione Pomeriggio Cinque di Barbara D’Urso ha spiegato con dovizia di particolari: “Presentava lividi e fratture dalle caviglie alle braccia, fino al torace. La mamma sosteneva che la figlia avesse la diarrea - spiega Nunnziata in tv  - ci siamo posti subito un minimo di sospetto”. Inoltre le parole della mamma hanno creato più di un dubbio nel medico irpino. Poi l’amara scoperta fino all’arresto dei genitori nella giornata odierna.

L'indagine partita dopo il ricovero

Le indagini hanno tratto origine dal ricovero, avvenuto lo scorso gennaio, al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta della più piccola delle figlie dei due arrestati, alla quale venivano riscontrate “lesioni ecchimotiche, inappetenza ed ipertransaminasemia”. Nel corso dell’ospedalizzazione, i medici riferivano agli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Caserta che la bambina presentata “un quadro clinico e radiologico non ascrivibile a patologia pediatrica ma di verosimile natura traumatica”. Lo stato patologico della piccola veniva poi confermato da ulteriori accertamenti eseguiti nel corso della degenza, nella quale venivano riscontrate pregresse fratture agli arti interessati dal fenomeno denominato “shaking baby syndrome”, ossia la sindrome da scuotimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento