rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Distrutto nella notte uno degli ingressi laterali dell'ex Gil

Ennesimo atto di vandalismo ai danni della struttura

Continuano I problemi per l’ex Gil. Letteralmente distrutta, nel corso della notte, una delle porte laterali che danno su Corso Europa.

Un atto di vandalismo, l'ennesimo, compiuto ai danni di una struttura che avrebbe dovuto rappresentare la rinascita culturale e sociale del capoluogo irpino. 

“Le immagini dell’Eliseo, oltraggiato dall’incuria e dal disinteresse delle istituzioni e ancora esposto all’inciviltà dei nuovi barbari, riaprono una ferita in chi – nel mondo delle associazioni ma anche nella politica –  in passato si è impegnato per trovare una soluzione che restituisse ad Avellino e all’Irpinia il suo gigante malato, la sua casa del cinema e della cultura cinematografica.

Avevo sperato che in questo periodo di inevitabile fermo causa pandemia il Sindaco Festa e il consiglio comunale portassero a termine l’iter da me avviato già troppo tempo fa con la nascita e la definizione della fondazione di partecipazione. È grave che questo non sia ancora accaduto, ma è ancor più grave e preoccupante il fatto che un bene storico da anni pienamente nella disponibilità e nella responsabilità del patrimonio comunale non sia stato messo in sicurezza, preservato dal tempo, dalle intemperie e dal vandalismo. Per l’Eliseo non sono necessari archistar o esperti di altro tipo: per ora basterebbe un minimo di interesse e di sensibilità di quegli amministratori che hanno la responsabilità anche morale di difendere un bene pubblico di valore storico e che invece, fino ad ora, hanno assistito – inerti o inermi – a questo e ad altri scempi. Avellino merita di più, ma soprattutto di meglio”.

Così il prof. Bruno Gambardella, già Assessore alle Politiche culturali, pubblica istruzione e politiche giovanili comune di Avellino; Presidente Più Europa Avellino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrutto nella notte uno degli ingressi laterali dell'ex Gil

AvellinoToday è in caricamento