menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L’impiegata postale accusata di truffa torna in libertà

La decisione è stata disposta dal giudice per le indagini preliminari Gelsomina Palmieri

Era stata accusata di truffa e peculato in danno ai correntisti; adesso, dopo un mese e mezzo agli arresti domiciliari, l'impiegata dell'ufficio postale di Grottaminarda è tornata in libertà. La decisione è stata disposta dal giudice per le indagini preliminari Gelsomina Palmieri, come comunicato dagli avvocati difensori della 37enne, Peppino Romano e Gaetano Aufiero. A coordinare le indagini, la Procura della Repubblica di Benevento.

La denuncia è partita dal titolare dell’ufficio postale

Stando a quanto affermano le ricostruzioni degli inquirenti, la 37enne avrebbe sottratto, durante delle operazioni postali di alcuni anziani clienti, tra maggio e settembre 2017, una somma di 700 euro. La denuncia in auge è partita dal direttore dell'ufficio postale che, grazie all’ausilio delle telecamere nascoste, ha inquadrato la donna mentre si appropriava indebitamente  del denaro degli ignari correntisti. L’accusata si è avvalsa della facoltà di non rispondere ma ha rilasciato una dichiarazione spontanea agli atti in cui diceva di essere sempre stata corretta ed era pronta a risarcire il dovuto nel caso fosse stata accertata qualche irregolarità. Adesso, torna in libertà in attesa di giudizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento