menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporti, la Uil contro la Provincia: "Unica ad aver tagliato i fondi da subito"

"La responsabilità dell’offerta dei servizi è  in primis in capo alla Provincia che non può pensare di agire nella più completa autarchia quando conviene e poi scaricare semplicisticamente sui cittadini  e sui lavoratori problemi di relazioni amministrative e istituzionali tra Enti"

"La provincia di Avellino è l’unica in Campania che ha provveduto al taglio del 15% dei fondi del Trasporto Pubblico Locale   a partire da subito, non c’è che dire una solerzia “istituzionale” sorprendente, non riconoscibile e a tratti insospettabile". Cosi in una nota il Segretario Generale Uil L. Simeone  e M. Caso, Segretario della categoria dei Trasporti.

"Non conosciamo le azioni intraprese dalla Provincia di Avellino,  ma sembra piuttosto scontato se non strumentale operare immediatamente tagli  alle aziende prima ancora di aver provato, magari  comunemente con le altre amministrazioni provinciali,  ad intraprendere iniziative volte a recuperare le risorse così come successo in tante altre occasioni in passato.

Il 29 aprile cioè tra tre giorni è convocata la “Consulta Regionale delle Mobilità” presieduta dal Presidente della IV Commissione con delega ai Trasporti, la Uil e la Uiltrasporti  in quella primissima occasione porranno fortemente il problema dei tagli e delle difficoltà dei cittadini e dei lavoratori tenuto conto che l’o.d.g. prevede proprio l'aggiornamento provvedimenti normativi ed organizzativi del t.p.l. in Campania.

La responsabilità dell’offerta dei servizi è  in primis in capo alla Provincia che non può pensare di agire nella più completa autarchia quando conviene e poi scaricare semplicisticamente sui cittadini  e sui lavoratori problemi di relazioni amministrative e istituzionali tra Enti.

Nel mentre i sindacati Regionali insieme a quelli più attenti Territoriali,  opereranno come in passato con la Regione per  provare a  ripristinare il già difficile stato  delle cose, sarebbe opportuno che la Provincia di Avellino spiegasse: perché è partita subito e da sola ad operare tagli; perché non ha ritenuto informare prima il sindacato per provare ad operare un fronte comune per affrontare il problema. Tenuto conto che in nessun altra provincia si è   agito con tanta sospetta solerzia, sarebbe opportuno che la Provincia di Avellino sospendesse  i provvedimenti adottati in attesa del confronto con la Regione, al fine di evitare ulteriori disagi ad un utenza già abbondantemente  vessata ed abbandonata   e che sicuramente non merita di essere coinvolta in questioni a cui la Uil e la Uiltrasporti non si prestano ne si presteranno.    In tal senso invitiamo  la Prefettura ad  intervenire per evitare che inusitate forzature provochino disagi all’utenza ed ai lavoratori, in attesa delle determinazioni che la Regione vorrà rideterminare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento