menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto Centro Italia, è di Sperone il vicesindaco di Amatrice: "Qui l'apocalisse"

Sale il numero delle vittime ad Amatrice, Sperone prega per i suoi conterranei

Paura, solidarietà e sgomento colpisce la comunità di Sperone per il sisma di Amatrice. Ore di angoscia nel paese per le sorti della famiglia Monteforte, trapiantatasi nel comune reatino circa quarant'anni fa. Maria Grazia e Francesco, pregano per Carmine, il fratello falegname che negli anni '60 decise di emigrare nel comune laziale. Intanto suo figlio Piergiuseppe che riveste la carica di vicesindaco di Amatrice sta seguendo da vicino tutte le operazioni.

"Siamo in ginocchio, è stata l'apocalisse questa notte - ha dichiarato - sarà dura rialzarsi". Piergiuseppe ha anche una sorella, Olimpia che lavora presso l'ospedale locale dove vige una situazione allarmante. "Tutti i feriti li stiamo trasportando a Rieti perché l'ospedale è stato messo fuori uso dal sisma - ha aggiunto Piergiuseppe".

La famiglia Monteforte sta bene, ma il duro colpo del sisma inferto alla comunità di Amatrice è drammatico. Mentre sale il numero delle vittime sono decine i dispersi. Si scava ancora sotto le macerie per recuperare le persone ferite; il bilancio potrebbe essere purtroppo solo provvisorio. La comunità speronese segue con apprensione tutta la dinamica dei fatti e prova a stare vicino ai loro conterranei in uno dei momenti più difficili. Fortunatamente stanno bene anche altri cittadini di Amatrice originari di Sperone e di Mugnano del Cardinale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento