menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Proiettato durante l'udienza il filmato 3D che ricostruisce l'incidente del bus sull'autostrada

Con la richiesta di rinvio a giudizio per i 15 indagati accusati a vario titolo della morte di 40 persone che il 28 luglio 2013 persero la vita precipitando a bordo di un bus dal viadotto "Acqualonga" dell'A16 Napoli-Canosa, nel territorio di Monteforte Irpino si è chiusa l'udienza preliminare

Con la richiesta di rinvio a giudizio per i 15 indagati accusati a vario titolo della morte di 40 persone che il 28 luglio 2013 persero la vita precipitando a bordo di un bus dal viadotto "Acqualonga" dell'A16 Napoli-Canosa, nel territorio di Monteforte Irpino, si e' conclusa ad Avellino l'udienza preliminare presieduta dal Gup del tribunale irpino, Gianfrancesco Fiore.

Nell'udienza del 22 ottobre scorso, il Gup ha ammesso la costituzione di 113 parti civili e in quella di oggi, dovra' valutare la richiesta delle parti offese di citare in giudizio i presunti responsabili civili al fine di ottenere, in sede penale, gli eventuali risarcimenti, e successivamente dare la parola alla pubblica accusa, rappresentata dal Procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, e dai pm Cecilia Annecchini e Adriano Del Bene, per la presentazioni delle richieste.

La prossima udienza, nella quale cominceranno gli interventi delle parti civili e degli indagati, e' stata fissata per il 14 gennaio prossimo.

La requisitoria della pubblica accusa, durata due ore e mezzo, ha visto alternarsi i pm Cecilia Annecchini e Adriano del Bene, alla presenza del Procuratore capo, Rosario Cantelmo. La richiesta di rinvio a giudizio, per reati che vanno dall' omicidio colposo plurimo al disastro colposo, dal falso in atto pubblico all'omissione in atti di ufficio, e' stata motivata dai pm sulla base degli elementi emersi dalle indagini che la Procura, a partire dai giorni immediatamente successivi alla sciagura stradale, ha affidato a Polizia stradale e consulenti di ufficio.

Momenti di particolare emozione e tensione si sono registrati nell'aula, ricavata all'interno del complesso monumentale del Carcere Borbonico, quando e' stato proiettato il filmato, realizzato in 3D, che ha ricostruito le varie fasi dell' incidente fino all'abbattimento delle barriere protettive e alla caduta nel vuoto del bus.

Nell'udienza di oggi, prima della requisitoria dei pm, il Gup, su richiesta delle parti offese, ha autorizzato la costituzione, come responsabili civili, della societa' Autostrade spa e di Reale Mutua Assicurazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento