rotate-mobile
Cronaca Chiusano di San Domenico

Strada crollata a Chiusano, De Angelis: "Ho già dato incarico di perizia geologica"

Il sindaco di Chiusano di San Domenico spiega: "Un cronoprogramma di intervento risolutivo non può essere fatto se non dopo le risultanze della perizia"

Il testo della determina

PREMESSO
che con D.Lgs. n. 50 del 18/04/2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n.91 del 19/04/2016, è stato approvato il nuovo Codice del Contratti Pubblici;
che il citato Codice disciplina sia i contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, il cui importo, al netto dell’IVA, è pari o superiore alle soglie di rilevanza comunitaria di cui all’art. 35, sia i contratti detti “sotto soglia”;
che il decreto legislativo 18 aprile 2016 n. 50, in particolare il comma 2 dell’art. 32, dispone che, prima dell’avvio delle procedure di affidamento dei contratti pubblici, le stazioni appaltanti, in conformità ai propri ordinamenti, decretino o determinino di contrarre, individuando gli elementi essenziali del contratto e i criteri di selezione degli operatori economici e delle offerte;
che il servizio in oggetto ricade nell’ambito di attività professionali relative a servizi geologici;
che l’importo stimato per l'affidamento dell'esecuzione delle indagini, del coordinamento dell'esecuzione e dela relazione geologica finale risulta essere inferiore ad € 40.000,00;
che l’art. 37 c. 1 del D.Lgs. n. 50/2016 dispone che “Le stazioni appaltanti, fermi restando gli obblighi di utilizzo di strumenti di acquisto e di negoziazione, anche telematici, previsti dalle vigenti disposizioni in materia di contenimento della spesa, possono procedere direttamente e autonomamente all’acquisizione di forniture e servizi di importo inferiore a 40.000 euro e di lavori di importo inferiore a 150.000 euro, nonché attraverso l’effettuazione di ordini a valere su strumenti di acquisto messi a disposizione dalle centrali di committenza e dai soggetti aggregatori”;
che l'art. 1c. 1, lett. a) della legge n. 55 del 2019 sospende, fino al 31 dicembre 2020, l’art. 37 comma 4 del D.Lgs. n. 50 del 18 Aprile 2016 (Codice dei Contratti Pubblici);
che l'art. 36 del D.Lgs. 50/2016, relativo ai contratti sotto soglia che prevede espressamente al comma2 – lettera a) – quanto segue: “Fermo restando quanto previsto dagli articoli 37 e 38 e salva la possibilità di ricorrere alle procedure ordinarie, le stazioni appaltanti procedono all'affidamento di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie di cui all'articolo 35, secondo le seguenti modalità:
a) per affidamenti di importo inferiore a 40.000 euro, mediante affidamento diretto, anche senza previa consultazione di due o più operatori economici o per i lavori in amministrazione diretta;”
che l’art. 31 c. 8 del D.Lgs. n. 50/2016 dispone che “Gli incarichi di progettazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione dei lavori, direzione dell'esecuzione, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, di collaudo, nonché gli incarichi che la stazione appaltante ritenga indispensabili a supporto dell’attività del responsabile unico del procedimento, vengono conferiti secondo le procedure di cui al presente codice e, in caso di importo inferiore alla soglia di 40.000 euro, possono essere affidati in via diretta, ai sensi dell'articolo 36, comma 2, lettera a)”;
che la Delibera Anac n. 206 del 01/03/2018 da indicazioni in merito “Aggiornamento al decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 delle Linee guida n. 4, di attuazione del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 recanti: «Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici».”
che l’art. 32, comma 2, del D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 dispone che prima dell'avvio delle procedure di affidamento dei contratti pubblici, le stazioni appaltanti decretano o determinano di contrarre, in conformità ai propri ordinamenti, individuando gli elementi essenziali del contratto e i criteri di selezione degli operatori economici e delle offerte;
che tra i dipendenti in servizio non vi è la presenza di un tecnico con la qualifica di geologo o in possesso di idonea competenza in materia in grado di assicurare l'esecuzione del servizio;
che l’Ente, in ottemperanza alle disposizioni dettate dall’art. 33 co. 3-bis del D.Lgs. n. 163/06,
con Delibera di G.C. n. 100 del 18/12/2014, ha aderito alla ASMEL, denominata ASMEL CONSORTILE Soc. Cons. A.R.L. che in considerazione dell’obbligo di utilizzo di piattaforme di gara elettroniche si procederà all’avvio di apposita procedura telematica a mezzo “trattativa diretta” utilizzando la piattaforma Asmel Consortile soc. Cons. Arl, con l’invio della richiesta dell’offerta di seguito argomentata;
che al fine di garantire e efficacia e celerità dell’intervento, in seguito ad una valutazione ponderata dell’interesse dell’Ente di acquisire in tempi brevi una progettazione di qualità, l’operatore da invitare sarà individuato, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, tra quelli presenti sulla piattaforma telematica ASMECOM;
che l’art. 26 della Legge 23 dicembre 1999 n. 488, obbliga a tutte le amministrazioni centrali e periferiche dello Stato ad utilizzare le convenzioni stipulate dal Ministero dell’economia e delle finanze, nel rispetto della normativa vigente al momento dell’emissione dell’ordinativo di fornitura;
che la Legge 6 luglio 2012, n. 94, di conversione del decreto-legge 7 maggio 2012, n. 52 (contenente la c.d. “prima” spendingreview) all'art.7, ha introdotto l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di ricorrere, ai fini dell’affidamento di appalti pubblici di importo inferiore alla soglia di rilievo comunitario, al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (www.acquistinretepa.it) oppure ad altri mercati elettronici istituiti ai sensi della vigente normativa, ai fini dell’acquisizione di beni e servizi, pena la nullità dei contratti, o, in alternativa, ad utilizzare i parametri di prezzo-qualità, come limiti massimi, per l'acquisto di beni e servizi comparabili;
che la Trattativa Diretta si configura come una modalità di negoziazione, semplificata rispetto alla tradizionale RDO, rivolta ad un unico operatore economico, ed in grado di ridurre in tempi in quanto non presenta le tipiche richieste informative (criterio di aggiudicazione, parametri di peso/punteggio, invito dei fornitori, gestione dei chiarimenti, gestione delle Buste di Offerta, fasi di aggiudicazione);
che nell’espletamento delle procedure l’Ente appaltante si è conformato ai principi di economicità, efficacia, tempestività, correttezza, di libera concorrenza, di non discriminazione e di parità di trattamento, trasparenza e pubblicità, proporzionalità e rotazione degli inviti e degli affidamenti;
che in ossequio al disposto dell'art. 192, comma 1, del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali)
a) il fine e l’oggetto del contratto è l’affidamento dell’incarico professionale di redazione della relazione geologica previa esecuzione, a propria cura e spese, delle indagini geologiche necessarie a caratterizzare il movimento franoso emerso in località Campore;
b) la forma del contratto è quella elettronica nelle modalità stabilite nelle forme disposte dall’art. 32 del D.Lgs. n. 50/2016;
c) che si procederà all’affidamento diretto, ai sensi dell'art. 36 c. 2 – lett. a) del D.Lgs. 50/2016, mediante consultazione di unico operatore economico specializzato regolarmente iscritto all'Albo dei Geologi;
d) che il criterio di valutazione dell’offerta sarà quello del minor prezzo di cui all’art. 36 c. 9bis del D.Lgs. n. 50/2016;
che l’art.40 c. 2 del D.Lgs. 50/2016 prevede che “A decorrere dal 18 ottobre 2018, le comunicazioni e gli scambi di informazioni nell’ambito delle procedure di cui al presente codice svolte dalle stazioni appaltanti sono eseguiti utilizzando mezzi di comunicazione elettronici”;
che l'articolo 107 del D.Lgs 267/2000 assegna ai dirigenti la competenza in materia di gestione, ivi compresa la responsabilità delle procedure di gara e l’impegno di spesa, mentre l’articolo 109, comma 2, assegna le funzioni dirigenziali ai responsabili di servizi specificamente individuati.
CONSIDERATO
che a seguito delle continue piogge del 28 e 29 dicembre e degli ultimi giorni, alla data del 10/01/2020, si è registrato un notevole movimento franoso che ha interessato anche la strada comunale denominata via Campore, con distacco di terra e traslazione di un ampio tratto stradale;
che a seguito di un primo sopralluogo urgente si è riscontrata anche la sconnessione e l'interruzione del tratto stradale in due diversi punti;
che nell'immediatezza è stato disposto di effettuare un sommario livellamento del manto stradale al fine di consentire almeno il transito ai mezzi di soccorso e dare la possibilità ai residenti in zona di condurre i propri veicoli a valle della zona interessata dalla frana;
che con nota Prot. n. 241 del 11/01/2021 si è provveduto a segnalare il movimento franoso in essere all'Autorità di Bacino Distrettuale dell'Appennino Meridionale ed alla Direzione Generale Lavori Pubblici e Protezione Civile della Regione Campania;
che con Ordinanza Sindacale n. 15 del 11/01/2021 si è provveduto a disporre la sospensione temporanea della circolazione stradale con decorrenza immediata e fino al termine dei lavori di messa in sicurezza della strada comunale denominata Via Campore. Sarà garantito il transito ai soli residenti per motivi d'urgenza ed ai mezzi di soccorso in orari presidiati;
che con la medesima Ordinanza è stato ordinato a tutti i proprietari degli appezzamenti di terreno individuati al foglio n. 2 p.lle n. 22, 50, 51, 425, 502 e 505 di provvedere al ripristino ed al mantenimento della regolare funzionalità dei fossi, canali, scoline al fine di consentire un regolare deflusso delle acque;
che in data 12/01/2021, a seguito della richiesta dell'Ente, è stato effettuato un sopraluogo da parte di tecnici del Genio Civile di Avellino al fine di verificare la consistenza del movimento franoso;
che con nota prot. n. 297 del 12/01/2021 venivano segnalati alla Protezione Civile Regionale gli eventi meteorologici avversi di carattere eccezionale verificatisi sul territorio comunale in data 28 e 29 dicembre 2020 e richiesto di finanziare i primi interventi urgenti per un importo di circa 200.000,00 euro;
che alla luce di quanto esposto risulta necessario ed opportuno procedere ad uno studio di fattibilità tecnica economica che consenta di definire gli eventuali interventi, che in piena sicurezza, consentano di ripristinare l'equilibrio del fronte franoso e riaprire in sicurezza la strada in oggetto;
che l'importo modesto dei servizi non giustifica, ai fini dell'efficacia, dell'economicità e della tempestività del procedimento amministrativo, l'attivazione di una procedura concorsuale.
TENUTO CONTO
che in merito allo studio anzidetto, risulta necessario nominare una figura professionale che abbia i requisiti per provvedere alla redazione della relazione geologica e relative indagini necessarie per definire i possibili interventi;
che dalle prime verifiche effettuate sul posto è ipotizzabile che il movimento franoso non sia limitato alla coltre superficiale ma molto più diffuso e profondo e, pertanto, risulta necessario approfondire la conoscenza mediante caratterizzazione del fenomeno franoso;
che sulla scorta dei primi sommari interventi ipotizzati, per i quali è stata fatta richiesta di finanziamento al Dipartimento Regionale di Protezione Civile, è stata calcolata una parcella per l'importo di euro 3.400,00 alla quale occorre aggiungere i costi necessari per l'esecuzione delle indagini geologiche, stimati in euro 4.110,00, per un totale complessivo di euro 7.510,00 oltre Iva e cassa;
che alla luce dei ribassi medi offerti per incarichi professionali similari, pari al 25%, si è stimato congruo l'importo riportato nella tabella che segue:

Screenshot_20210114-154850_Word-2

che, pertanto, alla luce del ribasso del 25%, applicato d'ufficio, l'importo stimato per l'esecuzione delle indagini, il loro coordinamento e la redazione della perizia geologica con l'indicazione dei possibili interventi da eseguire è stato stimato in euro 5.632,50 oltre Iva e Cassa.
DATO ATTO
che è necessario indire una procedura di affidamento, mediante proposizione di Trattativa Diretta da espletari sulla piattaforma telematica Asmecomm, da rivolgere ad unnico operatore economico, ai sensi dell’art.36 c.2 lett. a, del Dlgs 50/2016;
che nell'ambito della banca dati della predetta piattaforma telematica è stato individuato quale professionista con competenze adeguate per l'espletamento dei predetti servizi il geol. Giuseppe Liotti (C.F.: LTTGPP53B28M130K - P.Iva: 01792270645), con sede in via Pretarello n. 6 a Cassano Irpino (AV), regolarmente iscritto all'ordine geologi della regione Campania con il n. 266;
che sentito per le vie brevi il predetto professionista ha dato la propria disponibilità a contrarre con ilComune di Chiusano di San Domenico;
che è stata verificata l’assenza in organico di figure professionali idonee per lo svolgimento dell’incarico in oggetto.
VISTO
vista la lettera di invito predisposta dal Settore Tecnico del Comune di Chiusano di San Domenico (AV);
il D.lgs 18 agosto 2000, n. 267, “Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali” e, in particolare:
l'articolo 107 che assegna ai dirigenti la competenza in materia di gestione, ivi compresa la responsabilità delle procedure di gara e l’impegno di spesa;
l’articolo 109, comma 2, che assegna le funzioni dirigenziali ai responsabili di servizi specificamente individuati;
l’articolo 151, comma 4, il quale stabilisce che le determinazioni che comportano impegni di spesa sono esecutive con l’apposizione, da parte del responsabile del servizio finanziario del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria;
gli articoli 183 e 191, sulle modalità di assunzione degli impegni di spesa;
l’articolo 192, che prescrive la necessità di adottare apposita determinazione a contrattare per definire il fine, l’oggetto, la forma, le clausole ritenute essenziali del contratto che si intende stipulare, le modalità di scelta del contraente e le ragioni che ne sono alla base;
che è stato generato per la fornitura dei servizi in oggetto apposito CIG: xxxxxxx
l’art. 6-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241, introdotto dall'art. 1, comma 41, della legge 6 novembre 2012, n. 190, relativo all’obbligo di astensione dall’incarico del responsabile del procedimento in caso di conflitto di interessi, e all’obbligo di segnalazione da parte dello stesso di ogni situazione di conflitto (anche potenziale);
il vigente regolamento per l’organizzazione degli uffici e servizi;
il D. Lgs.vo 50/2016 “Nuovo Codice degli Appalti” art. 63 - comma 2 - lettera a);
il DPR 207 del 2010 che regolamenta, per la parte ancora vigente, il Codice dei Contratti;
il D.lgs. n. 165/2001 e ss. mm.;
che l’affidamento in oggetto dà luogo ad una transazione soggetta agli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari previsti dalla legge del 13 agosto 2010, n. 136 («Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia») e dal D.L. del 12 novembre 2010, n. 187 («Misure urgenti in materia di sicurezza»), convertito con modificazioni dalla legge del 17 dicembre 2010, n. 217;
che l'urgenza dell'intervento, volto a determinare la profondità della frana e le conseguenti opere da realizzare, per la sua natura non consente il frazionamento della spesa in dodicesimi;
che l’istruttoria preordinata alla emanazione del presente atto consente di attestare la regolarità e la correttezza di quest’ultimo ai sensi e per gli effetti di quanto disposto dall’art. 14/bis del D.Lgs. n. 267/2000;
che il presente provvedimento diviene esecutivo con l’apposizione del visto di regolarità contabile, attestante la copertura finanziaria, da parte del Responsabile del Servizio Finanziario ai sensi del D.Lgs. n. 267/2000.
Alla stregua dell’istruttoria effettuata dal Responsabile del Procedimento ed in considerazione del Decreto Sindacale n. 8 del 01/09/2020.
DETERMINA
Per i motivi espressi nella premessa, che si intendono integralmente richiamati:
1) di determinarsi a contrarre per affidamento dei servizi geologici, ai sensi dell'art. 36 c. 2 – lett. a) del D.Lgs. 50/2016, per l'esecuzione delle indagini necessarie ad approfondire la conoscenza mediante caratterizzazione del fenomeno franoso, della redazione della relazione geologica e dell'individuazione dei potenziali interventi da eseguire per mettere in sicurezza il fronte franoso attivatosi in località Campore;
2) che in seguito ad una stima dei costi, in premessa richiamata, è stato ritenuta congrua quale parcella professionale per il geologo l'importo di € 2.550,00, oltre cassa ed Iva, e quali costi di esecuzione delle indagini € 3.082,50, oltre Iva, per un totale complessivo lordo di € 6.996,09 incluso ogni onere e costo;
3) di approvare la lettera di invito e documenti di gara predisposti dalla stazione appaltante e depositati in atti d’ufficio;
4) di dare atto che la procedura di gara si svolgerà, ai sensi dell’art. 58 del D.lgs. 50/2016 come vigente, in modalità interamente telematica avviando una Trattativa Diretta sulla piattaforma telematica e-procurement di Asmecomm;
5) che l'operatore individuato per la trattativa diretta è il geol. Giuseppe Liotti (C.F.: LTTGPP53B28M130K - P.Iva: 01792270645), con sede in via Pretarello n. 6 a Cassano Irpino (AV), iscritto all'ordine geologi della regione Campania con il n. 266;
6) di dare atto che l'urgenza dell'esecuzione delle indagini geologiche, finalizzate a determinare i possibili interventi volti a ridurre il pericolo per la pubblica e privata incolumità, per la sua natura non consente il frazionamento della spesa in dodicesimi;
7) di dare atto che l’importo complessivo stimato per l’acquisizione dei servizi richiesti, pari ad € 6.996,09 incluso oneri ed Iva, è imputato al Cap 1086 - Cod. Bilancio 01.06-1.03.02.11.999, Codice Siope U. 1.03.02.11.999, del corrente Bilancio;
8) di nominare, ai sensi dell'art. 31 del D.Lgs. n. 50/2016 e dell'art. 5 della Legge n. 241/1990, quale Responsabile del Procedimento il geom. Mario Gimmelli dipendete dell'Ente in servizio presso il Settore Tecnico;
9) di disporre che in riferimento alla Legge n. 136/2010 e s.m. la sopracitata ditta sarà obbligata al rispettodella tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi ed effetti dell'art. 3 di detta legge;
10) di trasmettere il presente provvedimento al responsabile del Settore finanziario per il controllo di regolarità dell’atto ed il conseguente impegno;
11) di dare mandato di pubblicare la presente determinazione all'Albo Pretorio informatico dell’Ente ed, ai sensi dell’articolo 29 del D.lgs. 50/2016, sul profilo del committente, nella sezione “Amministrazione trasparente”.
            Il Responsabile del Procedimento Il Responsabile del Settore Tecnico
       -geom. Mario Gimmelli- -arch. Michelangelo Sullo-
Il Responsabile del Settore Economico-Finanziario
Visto il decreto Legislativo 18/08/2000 n.267, e ss.mm. ed ii.;
Visto, in particolare, l’art.153, comma 5,
ESPRIME
parere di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria dell’importo pari ad € 6.996,09 I.V.A. ed oneri compresi, con imputazione della spesa che viene assunta, al Cap 1086 - Cod. Bilancio 01.06-1.03.02.11.999, Codice Siope U.1.03.02.11.999, del corrente Bilancio di previsione;
Chiusano di San Domenico, lì 11/08/2020
Il Resp.del Settore Economico-Finanziario
                 -Rag. Natalina Picardi-

Det xxx del xx-01-2021_aff_inc_geologo_campore-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada crollata a Chiusano, De Angelis: "Ho già dato incarico di perizia geologica"

AvellinoToday è in caricamento