menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ampliamento Stir, l'amministrazione comunale non ricorrerà al Tar

La maggioranza non opterà per il ricorso, ma chiederà la delocalizzazione dell'impianto

Sul caso Stir il Comune è chiaro: “Non siamo disponibili ad approvare il ricorso al Tar”. Queste le parole del capogruppo del Pd Giacobbe.
Ieri nel corso di una riunione di maggioranza, andata quasi deserta, è emersa la posizione che l’amministrazione intende avere nei confronti della vicenda che attanaglia la Valle del Sabato. Alla presenza dei consiglieri Franco Russo, Ida Grella, Francesca Medugno, Giuseppe Giacobbe, Silvia Amodeo, Lorenzo Tornatore, Mafalda Galluccio e Enza Ambrosone, del vicesindaco Iaverone e degli assessori Mele e Penna è stato deciso che lo Stir va delocalizzato, dunque totale chiusura verso la possibilità di ampliamento. Tuttavia la strada del ricorso contro la Regione Campania, come chiesto dal gruppo Si Può e dal movimento Salviamo la Valle del Sabato, non è percorribile.
Alla luce di quanto stabilito, alla vigilia del consiglio comunale di domani, la maggioranza presenterà una mozione alternativa a quella del gruppo di Giancarlo Giordano.

Questa mattina Giuseppe Giacobbe, insieme all'assessore all'Ambiente, Augusto Penna, stenderá un documento da far approvare in assise in cui chiederanno all’aula di approvare la graduale delocalizzazione dello Stir, oltre a verifiche costanti nei confronti delle attuali lavorazioni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, 67enne deceduta al Moscati

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, due anziani deceduti al Frangipane

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento