rotate-mobile
Cronaca Contrada

Sparatoria di Contrada, due indagati offrono una versione differente

Il giudice si è riservato di decidere in merito alle misure cautelari

Continua senza sosta l'inchiesta relativa alla sparatoria di Contrada che ha visto il ferimento del rapper Federico Petrone. Le ultime affermano che due ragazzi di Contrada, il 18enne A.M. e il 22enne G.S. affiancati dagli avvocati di fiducia Pasquale Del Guercio e Vittorio Boccieri, hanno risposto al magistrato offrendo la loro versione dei fatti su quanto accaduto il 9 gennaio scorso. A riportare la notizia è Ottopagine.  

Il sostituto procuratore, Paola Galdo, afferma che i due avrebbero accerchiato e minacciato, insieme ad altre quattro persone, il Petrone, suo fratello e altri tre amici. Una versione molto differente da quella resa dagli indagati che, dal canto loro, puntano a sottolineare con forza alcune incongruenze presenti nella suddetta versione. Adesso, il giudice si è riservato di decidere in merito alle misure cautelari.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria di Contrada, due indagati offrono una versione differente

AvellinoToday è in caricamento