menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accusato di aver smaltito rifiuti speciali, assolto dopo due anni

Il giudice Cozzino, tenendo conto della tenuità del fatto, ha assolto un 77enne di Contrada, protagonista della vicenda nel luglio 2018

Rischiava di essere pagata a caro prezzo la volontà di far un pò di pulizia nel suo giardino. Un settantasettenne di Contrada, P.C., in data 2 Luglio 2018 accendeva un fuoco nel cortile posto dietro alla sua abitazione per bruciare alcuni pezzi di legno, nonché del materiale vario accumulato negli anni, tra cui, secondo l'accusa, anche dei barattoli di vernice vuoti.

L'odore acre sprigionatosi da quel fuoco non passava inosservato, tanto che alcuni vicini di casa provvedevano a chiamare la locale Stazione dei Carabinieri. Sopraggiunti i Militari constatavano la effettiva presenza del fuoco nonché il genere di rifiuti semicombusti rinvenuti nel cortile di casa. Il settantasettenne veniva pertanto denunciato a piede libero per il reato di illecita attività di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi mediante incenerimento a terra.

Nella giornata di ieri, il Tribunale di Avellino, nella persona della Dott.ssa Cozzino, aderendo alla tesi difensiva prospettata dal difensore dell'imputato, l'Avv. Rolando Iorio, coadiuvato in aula dall'Avv. Pierpaolo Castellitto, ha mandato assolto il settantasettenne ritenendo la palese tenuità del fatto.

Il Pubblico Ministero presente in aula aveva invece chiesto una condanna a 4 mesi di carcere e ad Euro 2.000,00 di multa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Atripalda, ritrovate strutture murarie di epoca romana

Attualità

Stop ai vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson dal 2022

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento