menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mamma Natascia: "Simone mi dà la forza per combattere la sua malattia"

La mamma del piccolo Simone racconta storia del figlio afflitto dalla leucemia

Simone, cuore di mamma. Natascia racconta la vita del suo piccolo Simone che combatte contro la leucemia in una stanza del Bambino Gesù di Roma. La storia di Simone, originario di Altavilla Irpina, e di altri nove ragazzi, è diventato un docufilm in onda la domenica su RaiTre: per la prima volta il Bambino Gesù, l'ospedale pediatrico più importante d'Europa, ha aperto le porte mostrando la quotidianità dei dieci giovani affetti da una grave malattia, in un intenso e autentico viaggio alla ricerca della guarigione.

Natascia è provata: “Simone è andato a scuola a 16 mesi, è cresciuto solo, perchè lavoravo. Conducevo un negozio e non potevo tenerlo, a nove mesi già camminava”. Poi la triste notizia della malattia: “tutto è successo la settimana prima del suo compleanno. Dolori alle gambe nel cuore della notte e piangeva, l’abbiamo portato in ospedale non si calmava con niente, tre giorni di esami, e i medici sono arrivati al problema: leucemia una bella parola forte”. Con le lacrime agli occhi Natascia aggiunge: “Quando ti viene detta questa cosa, è un colpo al cuore, poi diventi forte, ci convivi con il problema.Simone è il più forte di casa, un bambino straordinario”.

Simone ha anche due fratelli: “non l’hanno presa bene – dice la mamma – la prima domanda: ma adesso muore. C’era sconforto in famiglia, più di una volta ho ceduto, mi scendevano le lacrime ma Simone mi ha dato forza di combattere. Quando si fa la chemio, ci sono sempre le paure delle complicanze”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento