Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Guardia di Finanza: sequestro beni per 2.5 milioni di euro a società dell'editoria

Per la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere la società avrebbe percepito illecitamente, tra il 2009 e il 2011, i finanziamenti previsti dalle legge sull'editoria

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta ha posto in esecuzione un decreto di sequestro preventivo, emesso dall'Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere -su richiesta della locale Procura- avente ad oggetto beni per un valore complessivo superiore ai 2,5 milioni di euro nei confronti della "Dossier Società Cooperativa Giornalistica", a responsabilità limitata, operante nel settore dell'editoria, all'amministratore di fatto Pasquale Piccirillo e ai rappresentanti legali della società - si tratta di una srl - Antonio Sollazzo e Caterina Maria Bagnardi. 

Per la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere la società avrebbe percepito illecitamente, tra il 2009 e il 2011, i finanziamenti previsti dalle legge sull'editoria.

Dalle indagini, secondo la tesi degli investigatori, alcuni giornalisti figuravano come soci ma erano dipendenti. La legge conferisce i finanziamenti solo alle coop editoriali in cui almeno il 50% dei soci siano giornalisti dipendenti, aventi rapporto di lavoro regolato dal contratto nazionale di lavoratore giornalistico, con la clausola di esclusiva con le cooperative medesime.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia di Finanza: sequestro beni per 2.5 milioni di euro a società dell'editoria

AvellinoToday è in caricamento