menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sedicente avvocato dell'Inps tenta la truffa ad un anziano

Nella circostanza gli riferiva di dover versare 2.500 euro per il buon fine della pratica, inducendolo a versare detta somma mediante vaglia postale veloce

Un pregiudicato 34enne della provincia di Siracusa, ritenuto responsabile dei reati di truffa e tentata estorsione.

Nel dettaglio si accertava che il malvivente, mediante artifizi e raggiri e fingendosi avvocato dell’I.N.P.S., contattava telefonicamente un 73enne di Gesualdo al quale riferiva di curare personalmente la pratica di contenzioso già avanzata dalla vittima per la corresponsione d’indennità di accompagnamento.

Nella circostanza gli riferiva di dover versare 2.500 euro per il buon fine della pratica, inducendolo a versare detta somma mediante vaglia postale veloce. Riscossa immediatamente la somma, il giorno successivo quel sedicente avvocato contattava nuovamente l’anziano chiedendogli il un’ulteriore versamento di pari importo del precedente, al fine di ottenere maggiori benefici nell’indennità di accompagnamento. Al netto rifiuto, il truffatore iniziava a proferire minacce nei confronti della vittima, riferendogli che per lui sarebbe finita male, paventando altresì un ipotetico pignoramento dei beni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento