menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istituti superiori, varato il nuovo piano di "solidarietà" della Provincia

Scelte obbligate per garantire il diritto allo studio a tutti. Gambacorta in trincea tenta di convincere anche i più scettici

La prevenzione viene prima di ogni cosa. La scelta è obbligata, sperando che altri stabili di proprietà dell’Ente non siano nelle stesse condizioni. Il balletto tra gli istituti superiori ha inizio: Il “De Luca” a via Scandone, gli alunni della “succursale” dello Scientifico a via De Concilii, l’”Amabile” nell’immobile di via Morelli e Silvati, gli studenti dell’”Amatucci” in un’ala della Solimena.

Il settore Edilizia Scolastica curerà il coordinamento delle attività di trasferimento di quanto strettamente necessario alla continuità didattica. “Dal 21 novembre il De Luca non sarà più operativo. Dal 26 novembre al 1 dicembre faremo partire e concluderemo le attività di trasloco. Prima si sposterà l’Amabile verso lo “Scoca-Fortunato”, poi lo Scientifico e successivamente il Liceo Artistico. Entro il 1 dicembre sistemeremo le aule e i installeremo i laboratori più facilmente trasportabili” ha annunciato Rosa Grano, provveditore.

Le decisioni sono state rese note in una conferenza stampa. Non sono mancati i momenti di tensione. Gli studenti degli istituti che dovranno mostrare “solidarietà” hanno presenziato all’incontro.

“Non c’erano grandi soluzioni alternative - ha detto Gambacorta - mi sembra logico trasferire l’intero istituto in un unico plesso. Ci troviamo dinanzi ad un processo complesso. Abbiamo lavorato per garantire il diritto allo studio, evitando il ricorso ai turni pomeridiano.”. Le parole del presidente non bastano. “Sciopereremo per un mese intero, fin quando le nostre ragioni non saranno ascoltate” - affermano alunni e genitori dell’istituto Amabile di Avellino”.

A chi l’accusa di essersi svegliato, solo perché la Procura ha acceso i riflettori, Gambacorta risponde: “Noi abbiamo responsabilità su 58 istituti superiori della Provincia, abbiamo fatto tutto con scienza e coscienza, sapendo che le normative cambiano in corso d’opera. Abbiamo deciso di ampliare le indagini dei solai su altre scuole e comprendere situazione definitiva, ma per quanto riguarda il caso “De Luca” non vogliamo perdere tempo, per questo faremo in modo che i lavori partano il prima possibile. L’Amministrazione Provinciale – conclude il Presidente - sta lavorando tanto e continua a lavorare a spron battuto per garantire la sicurezza degli edifici scolastici, abbiamo investito tantissimo in termini di risorse economiche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento