Schiuma a Pianodardine, effettuati i controlli: 'Sono scarichi domestici'

A parlare è la Federico II. A Pianodardine la fognatura non c’è e quindi tutti hanno la fossa biologica (pozzo nero). Svuotare gli scarichi nel fiume pare sia una pratica abbastanza usuale in zona

foto infoirpinia

Quella schiuma bianca lungo le strade di Pianodardine destò un pò di dubbi. Ci fu il sospetto che fosse proveniente dalle vicine fabbriche. Si gridò all'allarme ma a seguito delle analisi condotte dalla stessa associazione infoirpinia che si preoccupò di prelevare più campioni, a distanza di qualche settimana c'è la conferma: “Si tratta di un detergente a base alcalina (pH 8, ma il campione è diluito, per cui potrebbe essere anche maggiore in fase liquida). Non è acido. I detergenti a base alcalina sono composti da tensioattivi schiumogeni, miscele di sali alcalini e sequestranti, solitamente usati per degradare sporco di natura organica. Questo già ci dice molto. Purtroppo, essendo un detergente non neutro, in ogni caso è inquinante”.

Il professore di dipartimento della Federico II valutando le analisi e guardando anche le foto, non ha avuto dubbi: “Si tratta di scarichi domestici”.

Ci spiega tutto Francesco Celli, presidente dell'associazione Infoirpinia: "In buona sostanza vengono ad essere confermate le ipotesi della Municipale. La mattina dopo infatti, noi e la Polizia Municipale, abbiamo fatto un accurato sopralluogo con cui le forze dell’ordine hanno ipotizzato che il tutto fosse opera di qualche residente, il quale ha 'pensato bene' di svuotare interamente la propria fossa biologica all’interno del fiume Sabato attraverso la cunetta, sfruttando i giorni di grande pioggia.

Approfondendo la questione abbiamo scoperto anche altre cose. A Pianodardine la fognatura non c’è proprio e quindi tutti hanno la fossa biologica (pozzo nero) nonostante le tante abitazioni: per caso in questo ha qualche responsabilità il Comune? Addirittura pare che svuotare gli scarichi nel fiume sia una pratica abbastanza usuale in zona: un’invereconda scelleratezza fatta al solo scopo di risparmiare sull’espurgo annuale! I prodotti chimici all’interno della fossa, non essendo biodegradabili, sono altamente inquinanti e contaminano proprio quei prodotti che poi mangiamo dagli orti o dai noccioleti lì vicino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un incredibile quanto vergognoso esempio di masochismo, soprattutto alla luce di quello che già oggi rappresenta Pianodardine per colpa di chi fa finta di non vedere. Assodato tutto questo, adesso eseguiremo accurati esami ecotossicologici e biologici sui sedimenti per valutare il reale impatto ambientale, ovvero per capire con precisione quanto è alto il grado di inquinamento iniettato nel terreno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • A Mirabella Eclano uno dei wine resort più suggestivi d'Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento