Schiaffone al funerale, assolto l'agente penitenziario accusato di lesioni

I fatti risalgono al 2013

Volarono pesanti schiaffoni nel corso del funerale. Adesso, C.E., l'agente penitenziario in pensione accusato di lesioni personali nei confronti del vicesindaco di Capriglia, è stato assolto.  Tutto accadde nel 2013, quando la parte offesa accusò l'imputato di averlo schiaffeggiato mentre era intento a porgergli le condoglianze per la morte del suocero. C.E., difeso dall'avvocato Carmine Ruggiero, è stato assolto perché il fatto non sussiste. In tal senso, è risultata decisiva la testimonianza del parroco che, all'epoca dei fatti, smentì la versione del vicesindaco al cospetto anche dei carbinieri.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento