Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

La separazione tra Moschillo e Richmond come un macigno: Falber Fashion dichiarata fallita

Il 22 dicembre il Tribunale di Avellino ritiene la Falber Fashion dell'imprenditore arianese Saverio Moschillo (curava la produzione della linea Richmond) tecnicamente fallita

Richmond e Moschillo

L’imprenditore arianese Saverio Moschillo per decenni è stato il vanto dell’Irpinia nella moda. Il suo nome era legato in modo indissolubile al marchio Richmond e a tutti i successi che ne sono conseguiti. A maggio scorso ipotizzava anche l’ingresso nel mondo degli hotel di lusso a nome della famosa casa di moda e ne andava fiero: “"abbiamo già dei contatti  sul mercato arabo, quello russo e quello cinese. Non siamo ancora pronti a comunicare quando apriremo il primo hotel perché parlare è facile, ma fare è difficile, per questo preferiamo annunciare un progetto solo quando siamo in dirittura d'arrivo, come la boutique Richmond di 400 mq che apriremo nel Kingdom Mall di Riad insieme al partner locale Ahmed Anajlan entro la fine di giugno". Per quanto riguarda i Richmond Café "vogliamo aprirli in tutto il mondo, anche in Europa e in Italia. A Milano avevamo quasi concluso l'affare poi - racconta l'imprenditore irpino - ci siamo tirati indietro perché non era il partner giusto".

Altri tempi, altre situazioni. A novembre però la doccia fredda e tutte le conseguenze fino ai giorni nostri. Una storia intricata.

Il socio John Richmond annuncia che “la società lussemburgese Fashioneast ha acquisito il 100% del marchio John Richmond. Saverio Moschillo ed io avevamo ormai una visione diversa sulla direzione del marchio. Volevo ritornare alle origini in un’ottica di design e abbracciare l’evoluzione che in questo momento sta coinvolgendo l’industria fashion, cavalcando l’espansione del brand nel mondo dei social e del digital media. E’ corretto dire che io e Saverio Moschillo non stiamo più lavorando insieme e che apprezzo ciò che lui ha fatto in passato per il brand. L’azienda Akkurate Ltd., che deteneva il marchio Richmond – dice John - ed era partecipata al 50% da Saverio Moschillo, al 35% da me e al 15% da Toni Yusuf, è stata messa in liquidazione pochi mesi fa. La società lussemburghese Fashioneast S.a.r.l. ha acquistato i brand dal curatore della liquidazione e la vendita è stata conclusa. Fashioneast, quindi, detiene ora tutti i brand di John Richmond: John Richmond, Richmond X, Richmond Denim, Richmond junior e Richmond”, ha precisato lo stilista.

Interpellato da FashionMag, Saverio Moschillo a novembre si era detto esterrefatto davanti alle dichiarazioni di John Richmond. “Non solo non ero al corrente della vendita, ma non capisco come mai John mi citi nel suo comunicato senza che ci siamo parlati in merito a questa vicenda, di cui, ripeto, non sapevo nulla”, ci dice l’imprenditore e creativo. “Ho dato tutta la documentazione in mano ai miei avvocati perché possano tutelare i miei diritti nelle opportune sedi”, ha concluso Moschillo.

Ma intanto il 22 dicembre il Tribunale di Avellino ritiene la Falber Fashion (ha prodotto e distribuito a livello mondiale il brand Richmond) tecnicamente fallita. A mettere fine alla storia della Falber Fashion ci ha pensato il tribunale che su sollecitazione di un creditore, ha scritto la parola fine con il fallimento. La notizia proviene dall'Emilia Romagna e la rendono nota i sindacati.

L’azienda con sede legale ad Avellino ma stabilimento a Forlì,  nelle mani della famiglia Moschillo, non ce l’ha fatta a uscire dalla crisi (nonostante i dipendenti sono tutti regolarmente al lavoro, sono in pari con le retribuzioni). La Falber Fashion era nata con la formula dell’affitto di ramo d’azienda dalla Falber Confezioni, finita in liquidazione nel 2011. Una storia che si ripete: avrà sicuramente pesato la separazione tra Richmond e Moschillo dopo venti anni di onorati successi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La separazione tra Moschillo e Richmond come un macigno: Falber Fashion dichiarata fallita

AvellinoToday è in caricamento