I roghi agricoli continuano senza sosta

Altre sei persone sono state denunciate

Residui vegetali bruciati anche poco distante dalle zone residenziali: altre sei persone sono state deferitealla competente Autorità Giudiziaria perché ritenute responsabili di Attività di gestione di rifiuti non autorizzata.

I sei, nonostante il divieto di bruciatura nell’attuale periodo di massimo rischio per gli incendi boschivi decretato dalla Regione Campania, erano intenti alla combustione di residui vegetali derivanti dalla lavorazione dei rispettivi fondi agricoli ubicati nei comuni di Atripalda, Avella, Contrada, Montoro, Mugnano del Cardinale e Parolise.

Tale condotta, oltre ad essere particolarmente pericolosa, provocava un evidente senso di fastidio e molestie alle persone per l’alta concentrazione di fumo nell’aria.

I Carabinieri delle Stazioni Forestali competenti per territorio, alla luce degli elementi di colpevolezzaraccolti, hanno dunque deferito i predetti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

I servizi predisposti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Avellino, volti al contrasto degli incendi boschivi e della pratica dell’abbruciamento dei residui forestali e vegetali continueranno ininterrottamente in tutta l’Irpinia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Clan Partenio, ecco chi sono gli avvocati perquisiti in data odierna

  • Ragazzo giovanissimo si lancia dal Ponte della Ferriera

  • Nuovo Clan Partenio, perquisita la casa di un noto avvocato

  • Migliori bar di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Nuovo Clan Partenio, vent'anni di turbativa d'asta: si stringe il cerchio

  • Si lancia dal Ponte della Ferriera, le condizioni del 13enne

Torna su
AvellinoToday è in caricamento