menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, biodigestore a Pianodardine: Comuni e associazioni contro l'impianto

La possibilità del biodigestore per i rifiuti organici penalizzerebbe la zona già ad alto rischio

Pianodardine non ce la fa più, i livelli di inquinamento sono altissimi, il tasso di mortalità è in aumento, ma questo non basta a fermare i poteri forti incuranti dello stato di disagio a cui sono costretti i residenti.

Questa volta però i Comuni e le associazioni non intendono cedere e sono pronti ad opporsi in ogni modo al biodigestore di rifiuti organici. Nessun allarmismo, gli attivisti vogliono solo tutelare la comunità locale, per questo dopo un'assemblea pubblica, si recheranno dal prefetto Carlo Sessa per sottolineare i problemi legati all'inquinamento e fermare l' ipotesi malsana.

In particolare il comitato guidato da Franco Mazza, chiederà di attivare un'indagine epidemologica e di realizzare un dossier sui carcinomi e le patologie aumentate negli ultimi anni. Pianodardine e i comuni limitrofi vogliono capire quali sono le sostanze presenti nell'aria considerando che le centraline dell'Arpac non funzionano. Anche l'assessore all'ambiente del Comune di Avellino, Augusto Penna è intervenuto sulla vicenda, dichiarando che il progetto paventato dal governatore De Luca non è realizzabile nella zona individuata. Finora comunque Palazzo di Città non ha rilasciato alcuna autorizzazione e ancora non è stato chiamato a discutere su questa ipotesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento