menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalto alla banca Unicredit in tre minuti: la telecamera ha ripreso tutto e tutti

Il bancomat portato via con 100mila euro. Si stanno visionando i filmati ripresi da una terza telecamera che i malvimenti non hanno individuato

Dai filmati si tenterà di risalire ai malviventi, almeno quattro, che hanno assaltato il bancomat della filiale Unicredit di via Francesco Tedesco ad Avellino. A pieno carico, lo sportello bancomat conta circa 100mila euro. I funzionari della banca sono alle prese con il conteggio e sembrerebbe che la cifra all'interno dello sportello, nel momento del colpo si aggirersse vicino a quella somma; era stato caricato prima della chiusura della filiale. Poi nella notte l'assalto e il bottino.

Sotto la lente di ingrandimento ci sono i filmati ripresi dalle telecamere che si stanno visionando per ricostruire tutta la vicenda. Su un punto gli inquirenti sono concordi: è una banda specializzata in simili furti, poichè sono entrati in azione senza nessun timore. Tre minuti per mettere a segno il colpo. Sono stati utilizzati un camion e un carro attrezzi.

Il primo si è abbattuto nella vetrata con dietro un ariete per sfondare. Subito dopo è entrato in azione il carroattrezzi che con il braccio ha trascinato il bancomat per qualche decina di metri per poi caricarlo sul furgone e portarlo via. Tutte queste azioni delittuose sono state riprese da una terza telecamera, non posizionata vicino alla filiale, ma qualche metro più lontano.

Dal suono dell'allarme della filiale, la vigilanza privata Argo ha impiegato pochissimi minuti per dirigersi sul luogo, visto che un'auto di pattuglia era poche centinaia di metri lontano dal luogo. Indescrivibili le immagini presentatesi agli occhi delle guardie giurate: filiale completamente distrutta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento