Riapre il cantiere per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica a Picarelli

Il progetto, inserito nel programma straordinario di Edilizia Residenziale Pubblica, prevede la totale sostituzione degli alloggi esistenti con l’introduzione di un nuovo tessuto insediativo

Dopo uno stop durato troppo tempo, riapre il cantiere per la costruzione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica a Picarelli. Il Sindaco Paolo Foti lo aveva annunciato nel corso del Consiglio comunale dello scorso 4 settembre e l’Assessore ai Lavori Pubblici Costantino Preziosi lo conferma: “sono iniziati i lavori per la costruzione di due dei quattro edifici, per complessivi 32 alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Grazie alla disponibilità di 600.000 Euro già spendibili, a cui dovrebbero aggiungersi 1 milione e 300 mila Euro previsti da un decreto di finanziamento della Regione Campania, l’impresa ha potuto avviare i lavori e quindi realizzare almeno due dei quattro edifici”. Il progetto, inserito nel programma straordinario di Edilizia Residenziale Pubblica, prevede la totale sostituzione degli alloggi esistenti con l’introduzione di un nuovo tessuto insediativo, che oltre a quattro edifici di nuova costruzione, ognuno dei quali ha sedici abitazioni, comprende parcheggi, grandi spazi aperti attrezzati a verde per favorire l’incontro e la socializzazione e l’eliminazione delle barriere architettoniche.

“Finalmente – commenta l’Assessore Preziosi – riparte la ricostruzione a Picarelli. Il mio auspicio è che non ci siano più ostacoli e si possa mettere la parola fine alla realizzazione di questi alloggi cominciata molto tempo fa ed anche in maniera sbagliata. L’intento dell’Amministrazione è di porre in essere tutte le condizioni per eliminare i prefabbricati pesanti di Picarelli e delle altre zone della città, per consentire a tutti di vivere in case decorose e degne di essere chiamate tali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • Torna da Milano con la febbre altissima, trasportato al Moscati

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Coronavirus, due fratelli tornano a Lauro da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Coronavirus, Lauro, il sindaco: "Hanno viaggiato in treno e poi sono andati a prenderli in auto"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento