rotate-mobile
Cronaca Grottaminarda

Reti idriche al collasso, il sindaco di Grottaminarda chiede l'apertura di un tavolo tecnico

Il primo cittadino esprime l'esigenza di instaurare una discussione che parta da Comuni, Provincia e Regione per concertare in maniera decisa e coesa la programmazione di accesso ai Fondi del PNRR per il rifacimento delle reti colabrodo

Reti colabrodo in Irpinia. A seguito dell'ennesimo guasto idrico, ora ripristinato dai tecnici dell'Alto Calore, il primo cittadino di Grottaminarda, Marcantonio Spera, chiede l'apertura di un tavolo tecnico e preannuncia la formazione di un "Comitato dei Sindaci per l'acqua e il PNRR".

"L'acqua non deve essere fonte di profitto per i privati ma deve essere gestita con la partecipazione dei cittadini, mediante aziende speciali, regolate non dal mercato ma dal diritto pubblico - dichiara il sindaco - l'Amministrazione di Grottaminarda ha partecipato con senso di responsabilità e grande serietà alle recenti vicende dell'Alto Calore per la risoluzione delle criticità incombenti ma oggi, considerate le continue carenze idriche a cui sono sottoposti i cittadini e le fatiscenti reti idriche ormai al collasso totale, chiede l'apertura di un "tavolo tecnico" e di una discussione che parta dai Comuni, dalla Provincia e dalla Regione per concertare in maniera forte, decisa e coesa la programmazione di accesso ai Fondi del PNRR per il rifacimento non più procrastinabile delle reti colabrodo.

L'appello della fascia tricolore alle isituzioni è forte e chiaro. Parla di emergenza sociale ed economica e aggiunge: "Questo grido di dolore per l'emergenza idrica, sicuramente più sentito, riguarderà a breve anche l'emergenza rifiuti, altro tema politico-economico-ambientale con grande impatto sui cittadini, disatteso con ignavia dalla politica, e che fa gola ai mercanti" conclude.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reti idriche al collasso, il sindaco di Grottaminarda chiede l'apertura di un tavolo tecnico

AvellinoToday è in caricamento