rotate-mobile
Cronaca Calabritto

Promette la bonifica delle aree, ma dopo due anni resta tutto inalterato: denunciato

Nel 2013 fu sottoposto a sequestro il terreno. Dopo un sopralluogo scoperto ad ammassare ancora rifiuti pericolosi ed aveva aperto una officina per demolizioni

Chiese il dissequestro dell'area promettendo la bonifica dei terreni e lo smaltimento, nel rispetto delle norme vigenti, dei “rifiuti pericolosi e non” presenti. La vicenda risale al 2013, quando i carabinieri di Calabritto posero i sigilli a due grosse aree all’interno delle quali erano stati accantonati parti di automezzi non bonificati e, sversati nel tempo, rifiuti di ogni genere. Nel corso dell’operazione le aree, rispettivamente di 5000 e 7000 mq circa (con all’interno un capannone di 900 mq), furono sequestrate. 

Ma a distanza di due anni non è andata proprio così: il sopralluogo congiunto dei carabinieri e dei vigili del fuoco di Avellino, ha accertato che l’imprenditore non aveva assolutamente ottemperato alle disposizioni anzi continuava nella sua condotta illecita accumulando rifiuti costituiti da parti di mezzi pesanti e pezzi di autovetture.

Aveva inoltre realizzato in un capannone una vera e propria autofficina abusiva dove venivano smontati i veicoli, anche già rottamati, esercitando, di fatto, l’attività illecita di autodemolizione.

Attesa l’assenza di autorizzazione, il mancato rispetto delle prescrizioni e soprattutto, nella considerazione che i rifiuti presenti continuavano a provocare infiltrazioni nocive nel sottosuolo, consistenti prevalentemente in olii presenti all’interno dei motori ed acidi delle molte batterie oramai esauste, le aree venivano nuovamente sequestrate e poste a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Per l’imprenditore scattava, ancora una volta, la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Capo Dott. Rosario Cantelmo..

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promette la bonifica delle aree, ma dopo due anni resta tutto inalterato: denunciato

AvellinoToday è in caricamento