Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Rotondi

Processo per evasione dagli arresti domiciliari: Pietro Cuozzo assolto in appello

La Corte d'Appello di Napoli ha accolto la tesi difensiva e assolto Pietro Cuozzo, imputato di evasione dagli arresti domiciliari a Rotondi

Si è tenuto davanti alla Corte d'Appello di Napoli il processo a carico di Pietro Cuozzo, un uomo di 56 anni originario di Rotondi, accusato di evasione dagli arresti domiciliari. L'imputato è stato difeso dall'avvocato Vittorio Fucci. Inizialmente, Cuozzo era stato condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino nel 2020 a un anno e mezzo di reclusione per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. L'episodio di evasione si era verificato nel dicembre del 2017, quando l'imputato si trovava sotto la custodia degli arresti domiciliari, come stabilito da un provvedimento del Tribunale del Riesame di Napoli.

Il Procuratore Generale aveva richiesto la conferma della condanna

Durante l'appello, il Procuratore Generale aveva richiesto la conferma della sentenza di condanna. Tuttavia, la Corte d'Appello ha deciso di accogliere la tesi difensiva presentata dall'avvocato Fucci, portando all'assoluzione di Pietro Cuozzo. La Corte d'Appello, dunque, ha ritenuto valide le argomentazioni presentate dall'avvocato difensore. La sentenza di assoluzione rappresenta un risultato positivo per l'imputato, che viene quindi scagionato dalle accuse di evasione dagli arresti domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo per evasione dagli arresti domiciliari: Pietro Cuozzo assolto in appello
AvellinoToday è in caricamento