Processo Clan Partenio, D'Ercole: "Avellino non si costituisce parte civile, vergogna"

L'esponente provinciale di Fratelli d'Italia:"Era necessario dare segnali alla criminalità"

Il leader provinciale di Fratelli d'Italia Giovanni D'ercole attacca duramente i sindaci di Avellino e Mercogliano criticando la scelta di non costituirsi parte civile nel processo al Clan Partenio. 

"La scelta del comune di Avellino e del comune di Mercogliano di non costituirsi parte civile nel processo al clan Partenio è grave, vergognosa, sbagliata, inaccettabile e desta sconcerto in tutti i cittadini che credono nello Stato.

Gli Avellinesi e i Mercoglianesi dai delinquenti del clan hanno subito danni di immagine e di sicurezza e i sindaci avrebbero dovuto senza se e senza ma interpretare questo vulnus e farlo valere in giudizio.Ancora di più, per note vicende, proprio il comune di Avellino! Soprattutto, era ed è necessario dare SEGNALI alla criminalità organizzata che le istituzioni sono un muro d'uomini insormontabile.Questi comportamenti gravi, penosi, inaccettabili provocano nelle persone perbene un senso di solitudine che è esattamente quello che i delinquenti amano come habitat.Male, molto molto male". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando finirà la zona rossa in Campania: si rischia una settimana in più

  • Coronavirus, l'indice Rt di Avellino è quasi il doppio di quello di Napoli

  • Stazione Hirpinia, gara per l'ultimo lotto: 330 nuovi posti per 34 km di linea

  • Zona rossa, la spesa in un altro comune è possibile se più economica: il chiarimento

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i positivi di oggi: altri 13 ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 115 i positivi di oggi: altri 19 ad Avellino

Torna su
AvellinoToday è in caricamento