menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, 342 giorni di attesa per fare un'ecografia all'ospedale Moscati

L'alternativa? Clinica privata, veloce sì ma nello stesso tempo costosa. Tempi medi per le prestazioni che sono ben lontani dai 30 e 60 giorni

Trecentoquarantadue giorni di attesa per un’ecografia all’Ospedale Moscati. Cosa ne penserà il governatore della Campania Enzo De Luca? La storia disdicevole la racconta al “Quotidiano del Sud” Sebastiano Evangelista che ha prenotato l’esame presso l’azienda ospedaliera di Avellino nel reparto di radiologia per un controllo alla prostata. Quando ha visto la data della prenotazione non poteva credere ai suoi occhi: 30 agosto 2017. L’alternativa? Clinica privata, veloce sì ma nello stesso tempo costosa. “Perché dovrei rivolgermi ad altri enti? Ho pagato le tasse per 50 anni. E’ una presa in giro per i sofferenti”.

I dati nazionali diffusi dall’ultimo Pit Salute 2015, realizzato dal Tribunale del Malato, parlano di tempi medi per le prestazioni che sono ben lontani dai 30 e 60 giorni previsti rispettivamente per visite ed esami diagnostici dal piano del Ministero della Salute recepito dalle Regioni e tuttora in vigore.

In Italia siamo a  tredici mesi per una risonanza magnetica; un anno per una mammografia o una Tac; nove mesi per un’ecografia; sette per una radiografia. E ancora: tredici mesi per una visita psichiatrica, nove per un controllo oculistico, otto per un appuntamento dal cardiologo, sei per essere ricevuti dall’oncologo e altrettanti dall’ortopedico. Sono tempi inaccettabili perché rischiano di compromettere il senso stesso della prevenzione e della diagnosi tempestiva.

Gli ultimi dati Censis dicono che nell’ultimo anno 11 milioni di italiani – uno e mezzo in più rispetto all’anno precedente – hanno rinunciato alle terapie a causa dei tempi troppi lunghi e dell’impossibilità di pagare una visita privata o in intramoenia. “Chi ha più soldi, oggi si cura prima e meglio. Ma così si lede anche un principio costituzionale di uguaglianza dei cittadini rispetto alla cura” conclude rammaricato il 70enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento