Parto quadrigemellare: i genitori sono al settimo cielo

Ylenia, Ginevra, Nicole ed Eligio sono i nomi scelti dai genitori Francesco Cuccoro di Cercola e Francesca Giorgione di San Nicola Baronia, entrambi infermieri all'ospedale di Solofra

Ylenia, Ginevra, Nicole ed Eligio sono questi i nomi scelti dai genitori, Francesco Cuccoro di Cercola e Francesca Giorgione di San Nicola Baronia, dopo il parto quadrigemellare avvenuto a Villa dei Fiori di Acerra.

Un dono della natura: quattro pargoli frutto dell’amore tra la coppia di infermieri che lavora all’ospedale di Solofra.

Lui 34enne e lei 32enne non attendevono il quarto pargolo. Dalle ecografie si vedevano tre feti. Giuliano Ciccarelli, il ginecologo che ha seguito Francesca, si è reso conto della quarta camera con all’interno il feto, nascosto tra le sorelline; addirittura ipotizzando un quinto feto che con il tempo si è assorbito.

Il parto è avvenuto dopo trenta settimane con il taglio cesareo, vista anche la delicatezza della situazione. In sala operatoria una equipe di venti persone per garantire la migliore assistenza possibile alla donna. Papà Francesco non se l’è sentita di assistere al parto e ha preferito attendere all’ingresso della sala. Sono nati sani, con un peso accettabile e ora, per qualche giorno, dovranno comunque rimanere nell’incubatrice.

Una gioia immensa per i genitori ma soprattutto per le famiglie. In casa Cuccoro non è la prima volta che nascono i gemelli. La settimana prossima tutta la famiglia si trasferirà a San Nicola Baronia presso la casa materna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brutto incidente ad Avellino, tre le auto coinvolte

  • Quasi tre anni in carcere da innocente, finisce l'incubo di un 23enne

  • Lutto per la famiglia Pennella: Peppino tradito dalla sua passione per la foto

  • Dipendente “infedele” ruba nel supermercato dove lavora

  • Stop alla rilevazione del Gas Radon: la soddisfazione di CNA e Confesercenti

  • La "Masi" anticipa l'uscita per il terremoto, la dirigente rimuove il responsabile 

Torna su
AvellinoToday è in caricamento