rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Parcheggiatore abusivo salì sul tetto della loro auto: emessa la condanna

I fatti risalgono all’ottobre 2022, quando l’uomo, un parcheggiatore abusivo del Bangladesh, in preda all’ira per non aver ricevuto denaro, salì sul tetto di un’auto

Nella giornata di oggi, presso il Tribunale di Avellino – con giudizio abbreviato – l’imputato Babu Kazi, 42enne del Bangladesh,  veniva condannato alla pena di anni quattro e mesi quattro di reclusione. I fatti risalgono all’ottobre 2022, quando l’uomo, un parcheggiatore abusivo, in preda all’ira per non aver ricevuto denaro, salì sul tetto di un’auto. All’interno vi erano due donne – difese dagli avvocati Alfonso Laudonia ed Edinolfo Nittolo. Le donne gli avevano negato il denaro del parcheggio abusivo e, a causa della reazione dell’uomo, furono costrette a chiedere l’intervento dei Carabinieri del Comando Provinciale. I militari convinsero il 42enne a scendere dal tetto del veicolo e lo condussero in caserma per i provvedimenti consequenziali.

L’uomo salì sul cofano della vettura delle donne

Mentre le donne stavano recandosi presso l'istituto scolastico frequentato dalla figlia di una delle due, dapprima venivano bloccate dal Babu Kazi che, urlando, le impedì qualsiasi manovra. Quindi, il predetto, saliva sul cofano e posizionandosi sul tetto dell'autovettura faceva richieste di danaro urlando espressioni del tipo: "Quanto denaro dare a me". Le donne, spaventate, si vedevano costrette a chiudersi in auto chiedendo l'intervento delle Forze dell'Ordine mentre l'uomo perseverava nelle richieste di danaro, con violenza consistita nel danneggiare i tergicristalli anteriori e posteriori nonché l'antenna dell'autovettura, mentre le donne terrorizzate rimanevano bloccate in auto circa 20 minuti, sino a quando un passante riusciva a metterle in sicurezze e sino all'intervento delle Forze dell'Ordine che riuscivano a bloccare l'uomo unitamente a personale del 118; con l'aggravante di aver posto la persona offesa in stato d'incapacità di agire.

Un altro episodio di violenza con vittima un anziano

In un’altra occasione, l’imputato tentava di appropriarsi dei beni contenuti nella busta di un anziano, difeso dall’avvocato Alberico Galluccio; in particolare, alla vista dell'anziano signore si avventava su di lui ed afferrava la busta ed a fronte del tentativo dell'uomo di allontanarlo, al fine di assicurarsi il possesso della busta sottratta o comunque per guadagnarsi la fuga e/o l'impunità usava violenza nei confronti della persona offesa sferrandogli un calcio sul labbro destro e uno sulla spalla; evento non verificatosi in quanto nel corso dell'aggressione il Babu perdeva l'equilibrio e la persona offesa riusciva a divincolarsi e a fuggire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggiatore abusivo salì sul tetto della loro auto: emessa la condanna

AvellinoToday è in caricamento