menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

16 kg di hashish sequestrati al panettiere: i dettagli dell'operazione

L'esame dei messaggi whatsapp sul telefonino del "panettiere" ha spinto la polizia ad effettuare la perquisizione

Nell'ambito della quotidiana attività di prevenzione dello spaccio di sostanze stupefacenti, ieri pomeriggio la Squadra Mobile di Avellino ha fermato in via Circumvallazione, un furgone appartenente ad un napoletano incensurato, classe 84, che trasportava pane da vendere in città.

Il controllo è derivato dall'attenta attività di osservazione degli operatori della Polizia di Stato che avevano notato il mezzo fermarsi in quella strada, senza che l'autista scendesse dallo stesso per vari minuti. Ad un certo momento, hanno notato un giovane di Avellino, noto per essere stato denunciato per detenzione a scopo di spaccio qualche mese fa, salire sul furgone, scambiare qualcosa con l'autista e poi scendere per andar via. Il movimento ha destato ovvi sospetti per cui si è deciso di intervenire e sottoporre le due persone ed il veicolo ad una accurata perquisizione, che ha consentito di trovare 2 pezzetti di hascish di gr.0,8 cadauno e 3 coltellini sporchi di sostanza. L'esame dei messaggi whatsapp sul telefonino del "panettiere" ha ancor più insospettito gli agenti, dal momento che c'erano svariate conversazioni aventi per oggetto la vendita di "giubbini", "pezzi di pane", "assi di legno" a prezzi non proprio consoni: si andava dai 280 ai 350 €.

Per questi dubbi, gli operatori hanno deciso di effettuare una perquisizione a casa del giovane, residente a Calvizzano (NA) insieme con la moglie e due figli: lì hanno trovato 189 panetti di diverso peso - tra cui le cosiddette saponette di 250 grammi di "marocco" ( di colore più scuro in quanto di maggiore purezza)- e 10 stecche di hashish, nascosti tra il vano cantina e la cucina. Inoltre, sono stati trovati e sottoposti a sequestro 50.000€ in denaro contante, un bilancino elettrico, altri 2 coltelli e 52 cartucce calibro 9. Dopo aver sottoposto tutto a sequestro, il 32enne è stato arrestato e portato nella casa circondariale di Poggioreale, mentre il giovane avellinese è stato segnalato amministrativamente per l'art.75 tu 309/90.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento