menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Facebook image

Facebook image

Pietradefusi, trovate ossa umane in chiesa: choc tra i fedeli

A Don Gerardo dal novembre dello scorso anno è subentrato Don Claudio. La conduzione della parrocchia da parte dell'ex parroco è durata 27 anni. La quantità di vecchie cose finite nella differenziata è tale che sta impegnando da un mese i fedeli nell'opera di rimozione

Due teschi, due femori, parte di un'anca e altre piccole ossa che si sbriciolano al tatto, è questo quello che hanno trovato i parrocchiani della Chiesa dedicata alla Madonna dell'Arco a Pietradefusi mentre facevano le pulizie.

A Don Gerardo dal novembre dello scorso anno è subentrato Don Claudio. La conduzione della parrocchia da parte dell'ex parroco è durata 27 anni. La quantità di vecchie cose accumulate è tale che sta impegnando da un mese i fedeli nell'opera di rimozione: bamboline, pizzi all'uncinetto, fiori di plastica, vecchi libri sacri, posacenere, stufe guaste e sedie arrugginite, cappelli, la tastiera di una pianola elettronica, il tutto finito in enormi buste nere destinate al macero.

Non le ossa, però, che sono state fotografate e sono finite su Facebook scatenando commenti scandalizzati e arrabbiati da parte dei cittadini i quali, per anni, hanno contestato l'autoritarismo del parroco. 

Le cose sono cambiate con l'arrivo di don Claudio: sono stati ristrutturati tutti gli altari, lucidati gli ottoni e illuminati i candelabri, ritinteggiate le colonne e spolverate tutte le statue dei santi. Nella Chiesa Madre si respira una bell'aria di pulizia. Ma non è ancora finita, l'ex parroco deve ancora consegnare le chiavi del garage e di altri locali e tutti si chiedono che cos'altro nasconda in quegli ambienti, visto che doveva lasciarli alla parrocchia a marzo e, a fine giugno ancora non si decide a farlo.

Non tutti i paesani, però, sono d'accordo sulla procedura: qualcuno ha gridato allo scandalo e vorrebbe che si facesse luce sulle ossa che erano nascoste nei cassetti della sagrestia.

Vorrebbero sapere se si tratta di reliquie di santi - che in ogni chiesa antica sono molte - oppure parte di cadaveri ritrovati non si sa dove e come. Chiedono che intervenga la magistratura e il Vescovo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento