menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordinanza di sgombero per Cesaro: il centro sportivo torna al Comune

Fine della diatriba legale tra la Polisportiva e Palazzo di Città

Con un’ordinanza firmata dal colonnello Michele Arvonio, è stata disposta “in via amministrativa, il rilascio immediato e la riconsegna del centro natatorio comunale per il giorno ed orario da stabilire”.

Il centro sportivo andrebbe quindi liberato «entro 30 giorni». La Polisportiva in capo al gruppo Cesaro che detiene l'impianto natatorio comunale non ne ha più i titoli e deve obbligatoriamente sgombrare il campo e restituire la struttura al Comune di Avellino

Da tempo Piazza del Popolo aveva deciso di rescindere il contratto. Un contenzioso da cui era nata una causa legale sia davanti al tar di Salerno che verso quello di Napoli. Quest'ultimo doveva valutare l'interdittiva antimafia che aveva colpito la Polisportiva Sant’Antimo legata al gruppo Cesaro. Provvedimento per cui il Comune di Avellino poteva rescindere in maniera unilaterale la convenzione per la gestione della Piscina Comunale. Una procedura di rescissione che comunque, era già stata avviata dal Settore Patrimonio dell’ente alla luce del mancato pagamento dei canoni del mutuo attivo con il Credito Sportivo.

I giudici hanno ora «respinto l'istanza cautelare relativa sia al ricorso introduttivo che ai motivi aggiunti, dando atto della legittimità dei provvedimenti impugnati, che oggi risultano validi ed efficaci».

Così, spiega Arvonio «la revoca e il recesso si applicano anche quando gli elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa siano accertati successivamente alla stipula del contratto». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento