Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Ordigno bellico ad Avellino: ecco le zone che saranno evacuate

Il tavolo operativo convocato presso la Prefettura sta predisponendo tutte le operazioni per il trasferimento dell’ordigno presso un’altro sito per farlo brillare

Ordigno bellico ad Avellino: un terzo della città si prepara ad evacuare. È quanto emerge da Palazzo di Città dove si stanno predisponendo le planimetrie e i conseguenti punti sensibili. L'evacuazione non riguarderà il Comune, la Provincia e le scuole, poichè le operazioni si svolgeranno di domenica. Non c’è ancora una data precisa in cui avverrà la rimozione dell’ordigno rinvenuto nei pressi del ponte della Ferriera agli inizi del mese scorso. Venuto alla luce nel corso dei lavori di riqualificazione del torrente San Francesco.

Le zone interessate dall'evacuazione

Il tavolo operativo convocato presso la Prefettura sta predisponendo tutte le operazioni per il trasferimento dell’ordigno presso un’altro sito per farlo brillare. Secondo le previsioni, sono circa 15mila le persone che dovranno lasciare le proprie abitazioni; stiamo parlando di rione San Tommaso, rione Mazzini, contrada Quattrograne, parte del centro storico da Via Cascino per arrivare alla zona del Comune, una zona di Corso Vittorio Emanuele e Corso Europa, quindi Piazza Libertà, Piazza Garibaldi, Piazza Castello. Tra le strutture coinvolte ci sono 17 chiese e luoghi di culto, 5 distributori di benzina e 9 farmacie, 5 strutture sanitarie, 5 scuole, 21 uffici pubblici, 1 albergo e anche 9 negozi di alimenti. Tutti dovranno essere evacuati, compreso Caserma dei Vigili del Fuoco e Prefettura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordigno bellico ad Avellino: ecco le zone che saranno evacuate
AvellinoToday è in caricamento