menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Tornatore, la svolta: c'è un fermo

Il corpo carbonizzato dell'uomo è stato trovato all'interno di una vettura a Contrada

C'è stata una svolta nell'omicidio di Michele Tornatore: un fermo per concorso in omicidio. Un cinquantenne, con precedenti penali, nativo della frazione Banzano di Montoro è detenuto nel carcere di Bellizzi. Questo, di fatto, è il primo provvedimento per il delitto del 64enne ritrovato cadavere in un bagagliaio di un'auto in una discarica.  

Le indagini dell'antimafia sul corpo del 64enne di Contrada abbandonato nella Micra grigia presa a noleggio, hanno rivelato che l'uomo è stato ucciso con un colpo di pistola e poi bruciato. Il cadavere è stato rinvenuto nel cofano della vettura. Molto probabilmente l'uccisione è avvenuta nella serata di martedì, quando il gps dell'auto ha fornito segnali fino alle 20. L'auto è stata trovata tre giorni dopo da due operai del comune di Contrada. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento