rotate-mobile
Cronaca

Il figlio di Tornatore: “Vogliamo la verità sulla morte di papà” 

Oggi, in aula, è stato il giorno di Vietri

Continuano senza sosta le udienze in merito al delitto di Michele Tornatore, il 62enne di Montoro ritrovato carbonizzato in un'auto parcheggiata in una discarica di Contrada il 7 aprile del 2017.  

Oggi, è stato il giorno di Francesco Vietri, il 54enne di Montoro accusato di aver concorso nell'omicidio e nella distruzione del cadavere. L’imputato ha rilasciato le seguenti dichiarazioni spontanee: 

“Non ho mai prestato soldi a Michele. Eravamo amici. Chiedete a chi volete. Non so perché mi stanno facendo tutto questo, io sono innocente”.  

Il figlio di Tornatore: “Vogliamo la verità sulla morte di papà” 

Nella giornata di oggi, ancora, in aula erano presenti anche i parenti di Tornatore, rappresentati dall'avvocato Pasqualino Del Guercio. Domenico, figlio di Michele, ha detto quanto segue: 

 "Ancora non ci capacitiamo di cosa sia accaduto. Papà era un uomo molto riservato. C’ha sempre tenuto fuori dai suoi problemi. Preferiva di risolverli da solo. Adesso, vogliamo la verità sulla sua morte”.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio di Tornatore: “Vogliamo la verità sulla morte di papà” 

AvellinoToday è in caricamento