menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Del Gaudio, il marito si difende: "Un uomo ha ucciso mia moglie"

I funerali di Gianna Del Gaudio si svolgeranno lunedì 5 alle 15.30 nella chiesa parrocchiale di Seriate ai quali parteciperà anche il marito

I funerali di Gianna Del Gaudio si svolgeranno lunedì 5 alle 15.30 nella chiesa parrocchiale di Seriate ai quali parteciperà anche il marito che in un primo momento avrebbe voluto parlare, ma poi ha lasciato al prete le sue parole.

Antonio Tizzani non si da pace per la morte della moglie Gianna Del Gaudio, assassinata la notte tra il 26 e il 27 dicembre nella sua villetta in provincia di Bergamo. La salma dell'insegnante avellinese in pensione si trova ancora all'ospedale di Bergamo dove il marito è andata a vederla. Al momento è l'unico indagato, atto dovuto, per la morte. Stando a quanto riportato dal quotidiano l'Eco di Bergamo, sarebbero state ritrovate quattro tracce ematiche sulla borsa della donna e sulla ringhiera. Segni dell'aggressione. Gli inquirenti dopo aver raccolto la testimonianza dell'ex capostazione avellinese stanno scavando nella vita della coppia ed anche sui social network per trovare elementi utili alle indagini.

"Sono sereno, ho la coscienza pulita, sono fiducioso dell'operato degli investigatori. Mio padre e mio suocero erano poliziotti, credo nella giustizia, sono cresciuto con quei valori". La sua versione, il ladro o la persona che avrebbe visto fuggire è al vaglio degli inquirenti che però non trovano riscontri e lui la ripete anche ai cronisti "l'ho visto passare alle mie spalle, stavo bagnando il giardino mentre Gianna era dentro a lavare i piatti". "Disgraziato che cosa ci fai qui?" avrebbe esclamato contro l'uomo che aveva visto rovistare nella borsa della moglie. "Mi chiedo perché Gianna quella sera non ha chiuso la porta sul retro, lo faceva sempre perché aveva paura....".

Antonio non ha sentito nulla di quanto stesse accadendo in casa sua, quando ha visto la moglie non è riuscito a soccorrerla ma ha chiamato i figli che abitano a 20 metri "sono rimasto bloccato" prima di fermarsi con un nodo in gola. Il 68enne i cui parenti vivono ad Avellino non riesce a darsi una spiegazione "Con chi ce l'aveva? Ma chi poteva avercela con una donna così? Oppure ce l'aveva con me e ha ucciso lei per farmela pagare?".

Le domande non trovano risposte al momento mentre gli inquirenti stanno cercando di far luce su un presunto litigio avvenuto a tavola la sera dell'omicidio. "Eravamo in casa con mio figlio e la fidanzata per festeggiare santo Alessandro. Non c'è stato alcun litigio, avremmo potuto anche alzare la voce perché non c'era nessuno. Ma non c'è stato niente di niente"; ed anche passando al setaccio il profilo facebook della donna dove sono presenti alcuni post che alludono alla vendetta. Testimonianze di alcuni vicini avrebbero Gianna parlare al telefono animatamete più di 3 ore la mattina precedente l'omicidio. Un altro episodio sul quale gli inquirenti stanno lavorando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Meteo

    Meteo, marzo inizia all'insegna del sole

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento