Nuovo Clan Partenio, l'identikit dei due arrestati

Entrambi titolari di due ditte di edilizia

Nicola Galdieri e Renato Freda. Ecco le generalità dei due affiliati al Nuovo Clan Partenio, arrestati questa mattina con l'accusa di riciclaggio e intestazione fittizia di beni riconducibili allo stesso clan.

Le due ditte oggetto di sequestro preventivo

Come affermato dal Comandante dei Carabinieri del Reparto Provinciale di Avellino, Massimo Cagnazzo, i due uomini arrestati risultavano essere proprietari di due ditte: la NIRE (acronimo di Nicola e Renato) e la GAFRE (acronimo di Galdieri e Freda), entrambe localizzate nel Comune di Prata Principato Ultra ed entrambe impegnate nel settore edilizio e già sottoposte a sequestro preventivo.

Freda risultava titolare, ma in realtà era Galdieri a mantenere le redini delle due ditte. Lavori privati, ma anche interessamento di lavori sul tratto autostradale tra Avellino-Benevento sulla A16, le attività specifiche sulle quali i due membri del Nuovo Clan Partenio si muovevano ad ampio raggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicola Galdieri è attualmente detenuto nel carcere di Tolmezzo (UD), mentre Renato Freda, geometra e incensurato, è stato trasferito al carcere di Bellizzi Irpino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Automobile parcheggiata sulle scale a Piazza Kennedy, l'immagine virale

  • Ferrero cerca operai di produzione a Sant'Angelo dei Lombardi

  • È di Solofra il nuovo tentatore di Temptation Island

  • Irpinia senza acqua e fiumi d'acqua in Puglia, De Luca: "È intollerabile"

  • Paura ad Avellino, uomo tenta il suicidio: è gravissimo

  • Focolaio Coronavirus a Serino, l'Asl conferma i casi positivi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento