rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Variante B.1.1.529: i vaccini sono efficaci contro la nuova mutazione?

Il presidente della Regione, De Luca: "900 nuovi casi in Campania, la variante sudafricana ora fa paura. Difendiamoci, niente feste di piazza a Capodanno"

La nuova variante B.1.1.529 è stata finora rilevata in oltre 80 campioni, ma i casi reali potrebbero essere molto di più. Ciò che più preoccupa del nuovo ceppo scoperto in Sudafrica (e che verrà forse ribattezzato variante Nu) è la presenza di oltre 30 mutazioni solo nella regione della proteina Spike, responsabile dell'ingresso del coronavirus Sars-CoV-2 nelle cellule umane. Benché manchino dati solidi, gli esperti temono che la variante B.1.1.529 possa essere più contagiosa di Delta e sia in grado di sfuggire almeno in parte alla protezione fornita dei vaccini. Si tratta ovviamente del "worst-case scenario", ovvero della peggiore delle ipotesi: di certezze al momento non ce ne sono.

I casi accertati della variante B.1.1.529

Ci stiamo fasciando la testa troppo presto? Facciamo un passo indietro e cerchiamo di mettere in ordine le informazioni di cui disponiamo. Ieri, 25 novembre, spiegano in una nota gli esperti dei Cdc africani, "l'Istituto nazionale per le malattie trasmissibili (Nicd) in Sudafrica ha annunciato il rilevamento di una nuova variante del virus Sars-CoV-2, a seguito del sequenziamento genomico. Il suo emergere coincide con un improvviso aumento dei casi nella provincia di Gauteng negli ultimi giorni ed è quindi attentamente monitorato dalle autorità sanitarie sudafricane".

Al 25 novembre la variante era presente in 77 campioni raccolti tra il 12 e il 20 novembre dalla provincia sudafricana di Gauteng, 4 campioni invece arrivano dal Botswana e 1 campione in cui è presente la nuova variante è stato segnalato a Hong Kong.

nuova variante casi-2

"La variante B.1.1.529 mostra più mutazioni nel genoma del virus", ribadiscono gli esperti dei Cdc africano. "Alcune sono state rilevate in varianti precedenti, come Alfa e Delta, e sono state associate ad una maggiore trasmissibilità ed evasione immunitaria". Un caso di B.1.1.529 è stato segnalato anche in Israele dove la nuova variante è stata identificata su un cittadino proveniente dal Malawi. Le autorità sanitarie israeliane sospettano che anche altri due persone potrebbero essere state contagiate dalla stessa variante e per questo dovranno restare in quarantena fino all'esito dei test. Un altro caso della nuova mutazione è stato identificato anche in Belgio: si tratta di una donna sintomatica non vaccinata tornata dall'Egitto con scalo in Turchia

Variante B.1.1.529, il Nicd: "Probabile che la protezione resti alta contro ricovero o morte"

In attesa di capire se B.1.1.529 sia più o meno più trasmissibile di Delta (ci sono dei sospetti, ma nessuna certezza), gli scienziati sono al lavoro per verificare anche se - e in che modo - questa nuova mutazione possa sfuggire all’immunità indotta dai vaccini. "Sulla base della nostra comprensione delle mutazioni in questo lignaggio, è probabile una fuga immunitaria parziale, ma è probabile che i vaccini offriranno ancora alti livelli di protezione contro il ricovero e la morte", si legge sul sito del National Institute for Communicable Diseases (NICD) sudafricano che ha pubblicato una pagina di domande e risposte per fare chiarezza sulla nuova variante.

Quanto alla sintomatologia indotta dal nuovo ceppo, "attualmente non sono stati riportati sintomi insoliti a seguito dell'infezione con la variante B.1.1.529 e, come con altre varianti - afferma l'Istituto - alcuni individui sono asintomatici".

Ecdc: "La nuova variante potrebbe indebolire i vaccini"

Secondo gli scienziati sudafricani dunque ci sono buone probabilità che i vaccini proteggano contro le forme gravi causate dalla nuova mutazione. Ma mancano dati solidi per affermarlo con certezza. Meno ottimisti sono gli esperti dell'Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie). Sulla base delle prove disponibili, la variante sudafricana potrebbe essere associata a una trasmissibilità molto elevata e anche a un indebolimento dell'azione dei vaccini ma non a un'infezione più grave. L'Agenzia Ue sottolinea però che si tratta di informazioni preliminari e dunque da prendere con estrema cautela. 

"Il 25 novembre 2021 - spiega l'ente - l'Ecdc ha designato la variante di Sars-CoV-2 appartenente al lignaggio Pango B.1.1.529, come variante di interesse (Voi). Si teme che l'elevato numero di cambiamenti delle proteine Spike possa portare a un significativo cambiamento delle proprietà antigeniche del virus". Il gruppo tecnico sull'evoluzione dei virus dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) si incontra oggi per discutere la variante. "Sulla base di ciò, l'Ecdc deciderà sulla riclassificazione di questa variante".

In attesa di capirne di più gli esperti restano cauti. Parlando a "Che giorno è" su Rai Radio1, l'infettivologo Massimo Galli ha detto la sua sulla nuova variante. Per l'esperto "non è certo ma è possibile, che questa variante sia in grado di bucare il vaccino. Io non sono convinto che sia così, però non abbiamo i dati per poterlo dire, è inutile fasciarci la testa prima di essercela rotta, ma è chiaro che dovremmo stare molto attenti anche a questo aspetto. Il vaccino probabilmente riuscirà a fare il suo mestiere ma è un ulteriore elemento di preoccupazione." 

Il primo aspetto da chiarire, ha rimarcato l'infettivologo, è però se B.1.1.529 sia "in grado di diffondersi altrettanto rapidamente o più rapidamente della Delta diventando in questo modo un vero competitore della Delta. E questo è un elemento ovviamente di preoccupazione perché, nel momento in cui fosse così, la faccenda diventerebbe seria"

Dopo la "Delta", questa (B.1.1.529, apparsa in Sud Africa) è la prima variante che dobbiamo seriamente tenere d'occhio. Niente allarme, ma dobbiamo mantenere alta la guardia e non farci prendere alla sprovvista. Quando ci saranno dati più affidabili, ne riparleremo. https://t.co/knLIRkGJbT

— Roberto Burioni (@RobertoBurioni) November 25, 2021

Nuovi variante: tra due settimane i dati da Pfizer-BioNTech

Informazioni più precise e affidabili sull'efficacia dei vaccini contro B.1.1.529 dovrebbero arrivare tra una quindicina di giorni, come ha spiegato un portavoce di Pfizer al canale all news francese BfmTv. I dati in arrivo, ha detto, "forniranno maggiori informazioni sul fatto che B.1.1.529 possa essere una variante che sfugge all'immunità e potrebbe richiedere un aggiustamento del nostro vaccino se si diffonde a livello globale".

"Comprendiamo la preoccupazione degli esperti e abbiamo immediatamente avviato le indagini sulla variante B.1.1.529. La variante differisce notevolmente dalle varianti osservate in precedenza perché presenta ulteriori mutazioni localizzate nella proteina. Spike. Ci aspettiamo più dati dai test di laboratorio al più tardi tra due settimane". In ogni caso, ha dichiarato un portavoce della società ad AFP, "Pfizer e BioNTech si sono preparati diversi mesi fa per aggiornare il loro vaccino in meno di sei settimane" ed essere quindi pronti a consegnare "le prime dosi in 100 giorni" qualora una variante dovesse dimostrarsi resistente. 

Il ministro della Salute britannico: "Rischio per la salute pubblica"

Certo è che c’è grande apprensione. Il ministro della Salute britannico Sajid Javid ha riferito alla Camera dei Comuni sulla nuova variante del Covid-19, parlando di una "situazione in evoluzione" e di "grande incertezza". "Siamo preoccupati che questa nuova variante possa rappresentare un rischio sostanziale per la salute pubblica", ha detto Javid. La nuova variante B.1.1.529 che ha alcune caratteristiche comuni alle varianti Alpha, Beta e Delta potrebbe essere "più contagiosa" rispetto alla variante Delta,che è stata diagnosticata per la prima volta in Gran Bretagna, ha detto il ministro. Una delle lezioni che abbiamo imparato dalla pandemia, ha aggiunto, è che "dobbiamo muoverci rapidamente" e il prima possibile.

L'Oms: "Sulla nuova variante sappiamo ancora poco"

Della nuova variante B11529, identificata in Sudafrica, "ci sono al momento meno di 100 sequenze complete disponibili", ha spiegato l'epidemiologa Maria Van Kerkhove, esperta dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), facendo il punto su quanto si sa del nuovo mutante in questo momento. "Non sappiamo molto al riguardo ancora. Quello che sappiamo è che ha un ampio numero di mutazioni e la preoccupazione, quando hai così tante mutazioni, è che questo possa avere un impatto su come il virus si comporta. Adesso i ricercatori si stanno mettendo insieme per capire dove sono queste mutazioni e cosa potenzialmente potrebbero significare per i nostri strumenti diagnostici, le nostre terapie e i nostri vaccini". 

Van Kerkhove ha aggiunto che si tratta di "una variante sotto monitoraggio" e che il gruppo tecnico Tag-Ve (Technical Advisory Group on Sars-CoV-2 Virus Evolution) sta discutendo "se farla diventare una variante d'interesse o di preoccupazione. E se fosse questo il caso - ha aggiunto van Kerkhove - le daremo un nome con una lettera dell'Alfabeto greco". Tutti "devono capire che più questo virus circola, più opportunità ha di cambiare". 

Il consiglio Ue approva lo stop ai voli

Intanto il ministro della Salute Roberto Speranza oggi ha firmato una nuova ordinanza che vieta l'ingresso nel nostro Paese alle persone che negli ultimi 14 giorni siano state in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia e Eswatini. Tutti Paesi dai quali non ci sono voli diretti per l'Italia. Questa volta però la risposta europea è stata coordinata. Nel pomeriggio ll meccanismo di risposta alle crisi del Consiglio europeo (Ipcr) dopo aver riunito gli ambasciatori dei 27 Paesi membri ha dato il via libera allo stop coordinato dei Paesi europei ai voli provenienti dall'Africa australe per tentare di arginare la nuova variante. 

Leggi la notizia su Today

De Luca: "Con l'arrivo della nuova variante dobbiamo fare ancora più attenzione" 

Capodichino, come tutti gli scali aeroportuali italiani, chiusa ai voli che arrivano dal Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia ed Eswatini. Ora, infatti, è la nuova variante sudafricana — già arrivata in Belgio — ad allarmare l’intera Europa. "E con questi chiari di luna — afferma Vincenzo De Luca dal suo minareto social del venerdì — eviterei di organizzare le feste di fine anno in piazza. Sarebbe un peccato bruciare tutti i risultati fin qui guadagnati con tanti sacrifici che ci consentono ora una relativa tranquillità. Difendiamoli e tuteliamoci». E quando qualche ora dopo è stato chiesto al sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, di commentare la posizione di De Luca sulle feste di piazza di fine anno, questi ha risposto: "Pensiamo prima alla vigilia di Natale".  “In Italia abbiamo avuto, ieri, oltre 12mila positivi - continua il presidente - intere regioni si avviano a diventare zona gialla. Era facilmente prevedibile l’onda lunga di contagio che abbiamo già registrato in Europa. Ora dobbiamo fare ancora più attenzione. Misuriamo l’irresponsabilità di coloro che hanno promosso iniziative sgangherate. Registriamo anche il peso di milioni di concittadini che non hanno voluto vaccinarsi. Quest’ultimi sono la principale causa della diffusione del contagio e di occupazione dei posti in ospedale. La risposta è vaccinarsi tutti per bloccare il contagio. Abbiamo osservato che, anche i vaccinati che contraggono il contagio, nella grandissima parte non finiscono in ospedale e non hanno neanche sintomi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante B.1.1.529: i vaccini sono efficaci contro la nuova mutazione?

AvellinoToday è in caricamento