menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Irpinia in lutto: è morto Zì Carminuccio, una figura storica di questo territorio

"E’ andato a suonare la fisarmonica altrove, in un posto dove potrà diffondere e spiegare la sua filosofia"

Oggi, per questa terra, è una giornata molto triste a causa della scomparsa di Zì Carminuccio, una figura simbolo di questo territorio. L'uomo, con il suo organetto, hanno rappresentato un'immagine iconica non soltanto per la sua Cairano, ma per tutta l'Irpinia. 

Questo è il ricordo dell’associazione Irpinia 7x:

“E’ andato a suonare la fisarmonica altrove, in un posto dove potrà diffondere e spiegare la sua filosofia. Ha lasciato questa terra Carmine Di Biasi, per tutti Zi’ Carminuccio, colui che aveva regalato la riflessione più intensa ed efficace per raccontare che cosa per lui e per tanti altri rappresentasse Cairano: A Cairano c’è l’aria, non serve più niente”.

E’ il ricordo dell’associazione “Irpinia 7X”, che da Cairano al mondo e viceversa vuole ricordare Zi’ Carminuccio così, con il sorriso felice del suonatore di fisarmonica, orgoglioso di vivere dell’aria della sua Cairano.  

Carmine Di Biasi aveva 93 anni. “Nella sua essenziale saggezza – scrive l’associazione - Zi’ Carminuccio in questo modo aveva condensato il significato che Cairano, il più piccolo comune della provincia di Avellino, tra i più piccoli del Sud, aveva per chi l’abitava e l’amava. Un paradigma rivoluzionario che si era delineato come una sfida, una serena e disarmata battaglia di resistenza che si fondava sulle qualità profonde e autentiche di Cairano: un paese simbolo della volontà di resistere nell’Irpinia più interna e di ribaltare lo schema imposto dalla modernità devastante attraverso un percorso di riscoperta di valori, significati e atmosfere che si facevano progetti per l’avvenire”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento