menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La cubana lascia il marito per un altro: da 13 anni la querelle in Tribunale

Lei presto si era stancata del matrimonio e aveva chiesto la separazione. Aveva iniziato a frequentare un altro uomo mentre l'ex marito non se ne era ancora fatto una ragione: una brutta storia sfociata in tentativo di investimento dell'amante e scazzottata in ospedale

Una  storia di gelosia avvenuta 13 anni fa a Montefredane è sfociata in un'accusa di tentato omicidio plurimo. Al centro una avvenente cubana, all'epoca dei fatti 22enne e due uomini di Montefredane di 37 anni. 

L'imputato aveva conosciuto la bella cubana e se l'era portata in paese, l'aveva sposata e le aveva trovato un lavoro. Ma lei presto si era stancata del matrimonio e aveva chiesto la separazione. Aveva iniziato a frequentare un altro uomo mentre l'ex marito non se ne era ancora fatto una ragione: una brutta storia sfociata in tentativo di investimento dell'amante e scazzottata in ospedale. Tra qualche giorno potrebbe essere messa la parola fine, visto che è stata fissata la data in cui la corte d'Appello di Napoli emetterà la sentenza di secondo grado. Il giudice Calise ha condannato il marito sentitosi "tradito" in primo grado a 4 anni e 9 mesi.

Nonostante una pena severa, gli avvocati Micciche e Rizzo sono convinti che il loro assisitito riesca ad avere una pena inferiore: "E' vero che poteva esserci il movente passionale, ma non è stato provato in nessun modo che il mio cliente avesse l'intenzione di investire l'ex moglie e il suo nuovo compagno. L'episodio si è verificato in una strada molto stretta e che in quel momento era molto trafficata. Quando li vide cercò di tornare indietro, riuscì a fare un'inversione ad U ma nel farlo andò a sbattere contro un'auto in sosta, anche perché gli venne tagliata la strada da una terza auto in transito. Sta tutta qui la dinamica, come ha del resto confermato anche uno dei testimoni, un carabiniere fuori servizio e che ha dichiarato di non aver visto nessun tentativo di investimento. In primo grado hanno emesso una condanna che si basa solo sulle affermazioni delle due persone offese, che hanno detto di essere scampate per un pelo all'investimento perché si sono gettate dietro un'altra auto parcheggiata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento